Non solo GameBoy, MSN Messenger e VHS. La tecnologia degli anni '90 ha portato in tutto il mondo un utilizzo sempre più diffuso dei cellulari, che in pochi anni hanno raggiunto ogni fascia d'età e ogni luogo nel mondo. Ma, con loro, è arrivato anche un altro temutissimo elemento: la suoneria. Gioia per alcuni e angoscia per altri, l'avviso sonoro ha cominciato a caratterizzare ogni momento della nostra vita, salvo poi cementificarsi nella quotidianità con l'arrivo delle temutissime notifiche che, ormai, sentiamo suonare in ogni momento. Prima degli innumerevoli suoni di WhatsApp, Messenger e Facebook, però, le suonerie più famose erano solo una manciata ed erano riconosciute in tutto il mondo. Ecco le 5 più famose.

Nokia Tune.

È sicuramente la suoneria più conosciuta che, nonostante Nokia sia ormai quasi scomparsa, resta ben fissata nell'immaginario comune come suono-simbolo dei cellulari. Nel 1993 Anssi Vanjoki, vicepresidente di Nokia, acquisì i diritti della canzone a cui si ispira, il Gran Vals di Francisco Tárrega, dando vita alla leggendaria suoneria. Il suo debutto è avvenuto nel 1994 sul Nokia 2110 e da qual momento ha caratterizzato un po' tutta la linea di cellulari dell'azienda finlandese. Il nome originale era Type 7, poi diventato Grande Valse prima di prendere ufficialmente il nome di Nokia Tune sui Nokia 3210, Nokia 7110 e Nokia 8210. La versione polifonica arriva con il Nokia 3510, mentre la registrazione al pianoforte sbarca sul Nokia 9500. Negli anni la suoneria è stata registrata con diversi strumenti, tra cui chitarra classica, campana e campanelli. Il Nokia Tune non è solo la suoneria più famosa, ma anche lo spezzone musicale più ascoltato nella storia della musica.

William Tell.

Se il Nokia Tune era pacato e tranquillo, la melodia di William Tell era decisamente più euforica e veloce. Ispirata alla William Tell Ouverture di Rossini, la suoneria rendeva ogni corsa al cellulare una galoppata verso la risposta rapida. Nonostante l'ispirazione classica, la suoneria provocava un'evidente irritazione in chi la sentiva partire nei luoghi più disparati, dagli autobus alle sale d'attesa, dalle chiese alle scuole. Alcuni Nokia erano caratterizzati da un piccolo easter egg: se messa in pausa e poi riprodotta nuovamente, la musica accelerava.

SMS – SOS.

Non solo chiamate. Anche i messaggi SMS erano caratterizzati da suonerie stravaganti e spesso fastidiose, che peraltro diventavano ulteriormente invadenti visto il numero di volte che venivano riprodotte in rapida successione. Quella più famosa è senza dubbio la suoneria che riproduceva il suono del codice morse legato all'SOS. Era anche la più terribile: nessuna melodia, solo suoni lunghi, pungenti e fastidiosi. Per lo meno ha insegnato al mondo a chiedere aiuto in codice morse.

Crazy Frog.

Ad un certo punto della storia alle suonerie classiche si sono aggiunte quelle scaricabili in abbonamento sfruttando i diversi servizi che hanno cominciato ad invadere le televisioni di tutto il mondo. Una delle più famose – se non la più famosa – è la Crazy Frog. Sbarcata ufficialmente in Italia nel 2004, la suoneria è in realtà stata ideata negli anni '90, quando il suo creatore ricevette una discreta visibilità dopo aver riprodotto il suono di una motocicletta con la bocca (sì, erano altri tempi). Con le suonerie precedenti aveva un grande punto in comune: era incredibilmente fastidiosa. Eppure era ovunque: in TV, in radio, sul cellulare dell'amico che continuava a suonare e a suonare e a suonare. Crazy Frog ha inoltre aperto la strada per l'enorme fenomeno culturale delle suonerie in abbonamento, che ha guidato l'umanità verso il disastro musicale del 2012: il Pulcino Pio.

Compositore Nokia.

Altro che librerie infinite di suonerie da acquistare: la vera rivoluzione dei Nokia era il compositore integrato che consentiva a chiunque di comporre la propria canzone. Chi non ha passato ore cercando di riprodurre il suo brano preferito a suon di codici come 18**#, 1#, 1#, 1, 6**#, 18*, 6 **#? Il compositore consentiva agli utenti – o almeno a quelli con più pazienza – di dare un tocco personale ai propri avvisi sonori, senza necessariamente spendere soldi nelle suonerie in abbonamento.

E voi a quale suoneria siete più affezionati?

Vota l'articolo:
4 su 5.00 basato su 160 voti.
Aggiungi un commento!