Secondo quanto riportato nel corso delle ultime ore dalla redazione di CNBC, da qualche anno Apple avrebbe realizzato una speciale divisione formata da diversi ingegneri biomedici con l'obiettivo di sviluppare un nuovo sistema di monitoraggio per la misurazione della glicemia. Stando alle informazioni riportate dalla fonte, questo progetto è nato per volere di Steve Jobs, quando il fondatore della mela morsicata ricopriva ancora il ruolo di CEO e spera di poter inventare una tecnologia in grado di monitorare costantemente il glucosio per migliorare la vita delle persone diabetiche.

Il sensore Apple in sviluppo presso gli uffici di Palo Alto in California non è invasivo: è sufficiente puntare una speciale sulla pelle per monitorare il glucosio, senza la necessità di ricorrere al pungidito. Stando ai giornalisti di CNBC sembra che lo sviluppo di questo sensore ottico sia già a buon punto tanto che Apple stia già iniziando a sperimentare la novità presso una serie di cliniche della Bay Area di San Francisco con consulenti assunti per risolvere gli aspetti normativi.

A capo di questa squadra di ingegneri il senior vice president di Apple Johny Srouji, già responsabile dello sviluppo del SiP (System in Package) integrato nello smartwatch Apple Watch. Lo sviluppo di questa tecnologia che potrebbe presto cambiare il trattamento del diabete è attualmente in fase di sviluppo e con buona probabilità non sarà presente nella terza generazione dell'orologio smart di Apple che ricordiamo sarà annunciata insieme al nuovo iPhone 8 nel mese di settembre.