Il fenomeno del dating online è ormai in grande crescita ovunque. La ricerca del partner online e il conseguente appuntamento è un fenomeno che negli Usa è capace di generare un giro di affari di 2,2 miliardi di dollari. E l'Europa non è da meno, visto che gli ultimi dati rilevano un giro di affari di oltre 1 miliardo di euro. Di pari passo alla crescita del fenomeno però sono aumentati anche i casi e le situazioni di pericolo. E in relazione a questo, 30 forze di polizia in Inghilterra e Galles hanno risposto alle domande di un sondaggio realizzato da Press Association. L'esito è che dall'uso di app per il dating online, in special modo dall'uso di Tinder e Grindr, si è registrato un aumento di 7 volte di crimini come stupro, pedofilia e tentato omicidio.

I crimini sono cresciuti di 7 volte con l'uso di Tinder e Grindr.

Dai dati, nello specifico, risulta che erano 55 le segnalazioni che menzionavano Grindr e Tinder nel 2013, mentre ad ottobre 2015 le denunce che menzionano queste due popolari app sono 412. Un aumento di 7 volte appunto. Un dato che gli esperti hanno definito "scioccante" e si sta per lanciare, proprio in relazione a questi dati, una campagna di sensibilizzazione sui pericoli che comportano gli incontri con sconosciuti attraverso l'uso di app, definite "hook-up", come Tinder e Grindr.

Sempre più nel dettaglio, i dati rilevano che Grindr è stata citata nelle denunce presentate 135 volte nell'ottobre del 2015 (erano 34 nel 2013), mentre Tinder è stata citata 277 volte (21 le volte nel 2013).

Crimini violenti e sessuali sono i reati più comuni rilevati dal sondaggio, infatti 253 sono state le denunce di reati contro la persona e 152 i reati sessuali. Ma nonostante questi numeri, che in relazione ai crimini registrati alla data dell'ottobre 2015 (29.265 stupri ed altri 58.954 reati sessuali in Uk) Andy Cook, capo del National Police Chiefs’ Council’s ha sottolineato, commentando i dati, la relazione tra il crescente utilizzo di app come Tinderg e Grindr e l'aumento dei reati che sono stati rilevati. Ha poi esortato gli utenti a fare la massima attenzione per la proprio sicurezza e a non condividere i propri dati personali fino a quando non si è sicuri delle persone con cui si viene in contatto.

Tinder e Grindr, alcuni dati.

Tinder, lanciata nel settembre 2012, è un'applicazione, disponibile in 30 lingue, dell'azienda Match Group, proprietaria anche di OKCupid e Match, che lo scorso mese di novembre si è quotata in borsa, e secondo i dati relativi alla metà dello scorso anno gli utenti globali sarebbero circa 50 milioni. Secondo i dati di GlobalWebIndex, gli utenti sposati sarebbero il 30% (anche se Tinder sottolinea che siano solo 1,7%) mentre i single sarebbero il 45%. Il 62% sono uomini e il 38% sono donne.

Grindr è stata lanciata nel 2009 ed è un'applicazione "geosocial" per incontri, rivolta a gay e bisessuali. Al 2014 Grindr faceva registrare una base utenti complessiva di 10 milioni, con 5 milioni che la utilizzavano attivamente ogni mese. L'applicazione è disponibile in 192 paesi nel mondo, anche in quei paesi dove l'omosessualità è illegale, quasi 70 paesi nel mondo.

Vota l'articolo:
3.8 su 5.00 basato su 20 voti.
Aggiungi un commento!