La presentazione dei nuovi iPhone 6S e iPhone 6S Plus è ormai alle porte. Tra poche ore Tim Cook svelerà il nuovo modello dello smartphone di Apple all'interno di un evento dedicato che si terrà nel Bill Graham Civic Auditorium di San Francisco. Tante le novità attese per un prodotto che con molta probabilità non sarà una rivoluzione ma un miglioramento su tutti i fronti, com'è ormai tradizione per tutti i modelli appartenenti alla versione S. Il suo rilascio avverrà quasi sicuramente in concomitanza con l'uscita di iOS 9, del quale saranno annunciati nuovi dettagli proprio durante il keynote. Ecco cosa ci riserverà una delle conferenze stampa più attese dell'anno secondo le indiscrezioni rilasciate nel corso degli ultimi mesi.

Design.

Dal punto di vista estetico, il nuovo modello non dovrebbe differire troppo dall'attuale. Parliamo quindi di spigoli arrotondati con retro in alluminio e fronte in vetro con bordi curvi. Gli schermi si riconfermeranno quasi sicuramente da 4,7 e 5,5 pollici, con pochissime (se ci saranno) modifiche nelle cornici. Secondo le prime indiscrezioni, la scocca rimarrà quindi simile ma sarà caratterizzata da un alluminio 7000 rinforzato – lo stesso dell'Apple Watch Sport – che, si spera, possa evitare il ripresentarsi del bendgate.

Per quanto riguarda le dimensioni, i primi leak ci hanno permesso di avere un'idea delle misure dei nuovi dispositivi, i quali vanno a proporre le stesse dimensioni per quanto concerne altezza e larghezza, ma differiscono leggermente sullo spessore: in questo caso si parla di circa 0,2 mm in più. La novità più importante sarà l'introduzione di una nuova colorazione, la quale sarà probabilmente il rosa, forse dorato. Una scelta che, com'è ormai risaputo, punta molto al mercato asiatico. Resta poi l'ipotesi di un eventuale iPhone 6C, che quindi proporrebbe le stesse caratteristiche del vecchio modello accompagnate da una scocca in plastica colorata.

Hardware.

Le differenze principali con l'iPhone 6 saranno "nascoste" sotto il cofano. Il nuovo modello sarà più performante e caratterizzato da nuove tecnologie, alcune di esse già viste in altri prodotti della mela. Innanzitutto Apple introdurrà il nuovo processore A9 caratterizzato da un basso consumo energetico, accompagnato da 2 GB di RAM LPDDR4. Elementi che vanno a supportare le novità costituite dal rinnovato sistema fotografico e dalla nuova funzione Force Touch. Quest'ultima, già presente su Apple Watch e MacBook, su iPhone probabilmente si chiamerà 3D Touch Display e risulterà più precisa della sua controparte per smartwatch. Le indiscrezioni parlano di un sistema in grado di riconoscere tre livelli di pressione diversi che ci permetteranno di accedere a differenti funzionalità, come uno zoom veloce, la selezione di voci del dizionario e l'anteprima di un link su Safari. La funzione potrà inoltre essere utilizzata dagli sviluppatori per creare scorciatoie o per dare vita a giochi in grado di sfruttare queste diverse pressioni.

Il tutto sarà accompagnato dal Taptic Engine che già caratterizza l'Apple Watch e i nuovi MacBook e che fornisce un feedback tattile ad ogni tocco. La batteria del nuovo iPhone 6S dovrebbe essere da 1715 mAh, leggermente inferiore a quella del modello precedente ma che non andrà ad intaccare la durata della stessa proprio grazie al nuovo processore a basso consumo energetico. Sullo spazio interno c'è ancora qualche dubbio: da un lato c'è chi crede che Apple abbandonerà il modello da 16 GB in favore di uno da 32 GB, dall'altro voci sempre più insistenti confermano i tagli da 16, 64 e 128 GB.

Fotocamera.

Il comparto fotografico dei nuovi modelli si avvarrà di una fotocamera posteriore da 12 megapixel, elemento che rappresenterebbe il primo grande salto di risoluzione effettuato da Apple negli ultimi anni. Per quanto riguarda la fotocamera frontale, invece, l'iPhone 6S monterà un sensore da 5 megapixel; un bel miglioramento rispetto all'attuale camera da 1,2 megapixel. Alcune indiscrezioni parlano di un flash frontale per selfie perfetti (decisamente poco probabile) e della possibilità di registrare video in 4K. Quest'ultima ipotesi non è poi così remota, soprattutto visto il grande salto ipoteticamente fatto dalla fotocamera del nuovo device. Apple ha recentemente acquisito LinX Imaging, un'azienda specializzata in camere per dispositivi mobile, la cui esperienza ha sicuramente portato ad un miglioramento del comparto fotografico dell'iPhone 6S, soprattutto in situazioni di luce scarsa.

iOS 9.

Una parte fondamentale del nuovo iPhone 6S sarà ricoperta dal prossimo aggiornamento del sistema operativo degli smartphone della mela: iOS 9. Nel corso degli scorsi mesi Apple ha rivelato molti dei dettagli riguardanti questo OS, arrivando persino a pubblicare una beta pubblica attualmente accessibile da tutti. Tra le novità principali nei confronti dell'attuale iOS 8 – aggiornamento che aveva portato grande stabilità al sistema – troviamo un SDK per gli sviluppatori dedicato ad Apple Pay, il servizio di pagamento della mela, miglioramenti generali all'offerta di streaming musicale Apple Music e l'introduzione di importanti novità riguardanti Siri. Tra queste, fondamentale sarà l'arrivo di Proactive; si tratta di una funzionalità che consente al dispositivo di capire quello che vogliamo in totale autonomia, basandosi sui dati presenti nel sistema.

Inserendo il jack della cuffia, ad esempio, verrà attivato automaticamente il Now Playing; sarà in grado di cercare il nome associato ad un numero di telefono che ci ha chiamato ma che non abbiamo salvato in rubrica; ci suggerirà di uscire di casa ad un determinato orario se sa che abbiamo un appuntamento e così via. Insomma, Proactive porterà una maggiore integrazione tra l'assistente virtuale, le applicazioni native e alcune app di terze parti. In arrivo, forse, anche gli sfondi animati: una non-novità che su Android è già presente da tempo e che potrebbe sbarcare anche su smartphone Apple.

Apple Watch.

Impossibile, vista la tempistica di annuncio, non lasciare spazio anche al primo smartwatch della mela sul palco del keynote Apple. Insieme ad iOS 9 e ai nuovi iPhone, infatti, l'azienda di Cupertino rilascerà un importante aggiornamento per il nuovo dispositivo che ne amplierà alcune funzioni e avvicinerà sempre più i due sistemi. I punti di contatto tra le due realtà, infatti, sono già numerosi e si amplieranno proprio con le novità portate da iPhone 6S. L'interfaccia di Siri, per esempio, si adatterà a quella attualmente presente su Apple Watch, mentre l'integrazione del Force Touch – o meglio, del 3D Touch Display – porterà una delle funzioni principali dello smartwatch della mela anche sul prodotto di punta dell'azienda. Insomma, Apple sta cercando sempre più di creare un ecosistema di dispositivi interconnessi non solo dal punto di vista di funzionalità come il cloud, ma anche attraverso l'utilizzo di tecnologie e di un feeling uniformi su tutta la gamma.

Data di uscita.

L'iPhone 6S sarà presentato da Tim Cook il 9 settembre all'interno del Bill Graham Civic Auditorium di San Francisco, in un evento apposito che avrà inizio alle 10 del mattino ora locale, quando qui in Italia saranno le 19. Sul suo lancio, invece, non ci son ancora conferme. Basandosi sugli anni passati, però, è quasi certo che il lancio iniziale – quello, cioè, che riguarda solo alcuni paesi – avverrà entro la fine di settembre; probabilmente i preordini si apriranno l'11 settembre per poi procedere alla vendita di iPhone 6S e iPhone 6S Plus il 18 settembre.

Quanto costerà?

Il prezzo dell'iPhone 6S resta tuttora un mistero. O quasi. Sebbene non ci siano ancora conferme sul costo finale del dispositivo – per quelle dovremo attendere, come di consueto, il termine della conferenza stampa – è facile prevedere la fascia nella quale si andranno ad assestare gli smartphone. Le versioni S, infatti, hanno sempre mantenuto praticamente intatto il costo dei loro precedecessori ed è probabile che anche questo rilascio segua la stessa filosofia. Qui sicuramente, quindi, si partirà da 729€ (16 GB) per poi passare a 839€ (64 GB) e 949€ (128 GB) per quanto riguarda l'iPhone 6S. Il modello Plus, invece, partirà da 839€ (16 GB) re salirà a 949€ (64 GB) e a 1.059€ (128 GB).