In attesa della presentazione dei nuovi iPhone 8, iPhone 7S e iPhone 7S Plus che saranno svelati durante il keynote Apple di settembre, dalla redazione del New York Post arriva la notizia di un nuovo libro intitolato "The One Device: The Secret History of the iPhone", scritto da Brian Merchant che racconta i retroscena della progettazione del primo iPhone.

A settembre 2017 l'iPhone compirà dieci anni e per l'occasione lo scrittore ha pensato di realizzare un libro in cui svela una serie di curiosità sull'ossessione di Steve Jobs per l'iPod e la grande attenzione per la progettazione del primo smartphone di Cupertino che sarebbe stata causa di numerosi divorzi dei dipendenti Apple per via dello stress e della pressione che per mesi ha invaso gli uffici della mela morsicata.

In attesa dell'uscita del libro su The Verge è stato pubblicato un estratto in cui un ex ingegnere software Apple, Evan Doll, spiega all'autore del libro "The One Device: The Secret History of the iPhone" la situazione in cui versava l'azienda durante i mesi che hanno anticipato l'uscita del primo melafonino: "Se avessi lavorato ad Apple a metà degli anni 2000, avresti notato uno strano fenomeno: le persone scomparivano. È successo in maniera molto lenta all'inizio. Ecco che un giorno la sedia di un ingegnere appariva vuota. Un altro membro chiave del gruppo, andato. Nessuno sapeva esattamente dove fossero. Ho iniziato ad ascoltare varie ipotesi, non era chiaro cosa stava per essere costruito, ma era chiaro che alcuni dei migliori ingegneri dei migliori team erano stati scelti per far parte di questo misterioso gruppo di lavoro". Ed in effetti così è stato perché il fondatore e CEO di Apple Steve Jobs realizzò due squadre di lavoro: P1 e P2.

All'interno del primo gruppo gli ingegneri avevano il compito di trasformare l'iPod in un telefono mentre il secondo gruppo, quello che ha avuto la meglio, si occupava di creare uno smartphone rivoluzionario: "Il dispositivo da cui dipendeva il futuro stesso di Apple". La squadra impegnata a creare il prototipo dell'iPhone lavorare in maniera del tutto segreta, nessuna notizia a riguardo era consentita all'esterno del gruppo di lavoro tanto da portare numerosi dipendenti al fallimento del matrimonio: "L'iPhone è stata la ragione per cui ho divorziato", ha raccontato all'autore l'ex ingegnere Andy Grignon. "È stato intenso, probabilmente uno dei peggiori periodi della mia vita a livello professionale. Si creava insieme a persone intelligenti ma con termini di consegna impossibili, una missione impossibile, il futuro dell'intera azienda dipendeva da quel progetto".