L'utilizzo scorretto dello smartphone può causare la formazione di un tumore al cervello. È la storica decisione del Tribunale di Ivrea annunciata dagli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone: “Per la prima volta una sentenza riconosce un nesso tra l'uso scorretto del cellulare e lo sviluppo di un tumore al cervello”. L'abitudine scorretta di effettuare chiamate per diverse ore al giorno per 15 anni imposta dall'azienda a Roberto Romeo, un 57enne dipendente della Telecom, ha portato alla formazione di un tumore benigno ma invalidante. Ora l’Inail dovrà pagargli la rendita perpetua per il danno subito sul lavoro. Ma come si può evitare questa situazione?

La ricerca sulle correlazioni tra smartphone e tumori è ancora incerta: alcuni studi negano il legame diretto tra l'utilizzo di cellulare e la formazione di tumori, mentre altri hanno riscontrato un parziale collegamento tra le onde emesse dai dispositivi e rare tipologie di tumori nei ratti. Secondo la sentenza del Tribunale di Ivrea, invece, l'utilizzo scorretto del cellulare avrebbe causato il neurinoma dell’acustico. “Non voglio demonizzare l’uso del telefono cellulare" spiega Romeo. "Ma per evitare quello che mi è successo bisogna saperlo utilizzare in modo corretto. All’inizio pensavo di essermi preso un’infezione all’orecchio ma poi ho capito che la cosa era ben più grave”.

Per questo lo studio legale degli avvocati che hanno seguito il caso, Ambrosio & Commodo, ha realizzato il portale neurinomi.info nel quale è possibile trovare informazioni utili per chi ha sviluppato patologia tumorale dell’VIII nervo cranico (scwhannoma vestibolare) e ha usato il telefono cellulare più di 1.640 ore cumulative. Allo stesso tempo, però, vuole fornire dei consigli per un utilizzo consapevole dello smartphone che possano ridurre il rischio di tumore. Il primo è quello di non usare il cellulare, preferendo la linea fissa. "Questa è la scelta migliore" si legge. "I telefoni classici a cavo non hanno mai causato malattie o lesioni fisiche. Né nessuno lo ha mai ipotizzato". Se però l'utilizzo dello smartphone è necessario, il sito propone 10 accorgimenti per ridurre al minimo i rischi

  1. Usa l’auricolare per diminuire l’effetto delle onde elettromagnetiche sulla tua testa (no bluetooth) oppure usa il viva voce: l’intensità del campo elettromagnetico diminuisce con l’aumentare della distanza;
  2. Evita numerose telefonate e limitane drasticamente la durata (alcuni minuti). Quando fai una chiamata aspetta che ti rispondano prima di avvicinare il cellulare all’orecchio (ma dovresti avere l’auricolare);
  3. Telefona quando c’è pieno campo (tutte le “tacche”) altrimenti il tuo cellulare aumenta e anche di moltissimo, la potenza delle emissioni sul tuo orecchio e all’interno del tuo cranio;
  4. Evita le chiamate nei mezzi in movimento come auto, treno, autobus, etc. e in luoghi come cantine, sotterranei, etc. Durante la notte non tenere il cellulare acceso sul comodino o sotto il cuscino, le onde elettromagnetiche disturbano il sonno. Non ricaricarlo vicino al letto;
  5. Durante il giorno non tenere il telefonino acceso in tasca o a contatto con il corpo: appena puoi riponilo sul tavolo, negli indumenti appesi, nella borsa o nello zaino;
  6. Quando ti muovi, disattivalo mettendolo in modalità aereo, così come tutte le volte che non serve. Meglio ancora: spegnilo;
  7. Non tenere il cellulare acceso negli ospedali o dove sono presenti apparecchiature elettromedicali, sugli aerei ed in presenza di persone con dispositivi quali pacemaker o apparecchi acustici;
  8. Al cinema e a teatro, tieni il cellulare spento e utilizza l’opzione segreteria. Il cellulare a scuola è vietato. L’uso del cellulare da parte dei minori deve essere vietato e, qualora ammesso per ragioni eccezionali, essere limitato alle chiamate di emergenza. Lo stesso vale per le mamme in attesa;
  9. Informati sul livello delle emissioni quando acquisti un cellulare nuovo: SAR in Watt/kg e intensità di campo elettrico in V/m;
  10. All’interno degli edifici il cellulare aumenta la sua potenza di emissione: nei luoghi chiusi usa sempre la rete telefonica fissa (non il cordless).