La rivoluzione delle biciclette arriva dall'Olanda e potrebbe cambiare la concezione che abbiamo delle piste ciclabili. Si chiama SolarRoad ed è una strada costruita in cemento e celle solari, il tutto rivestito da vetro temperato anti-scivolo. Sarà inaugurata domani a Krommwnie e verrà collegata alla rete elettrica del paese per venire incontro alla sempre più grande richiesta energetica dell'Olanda.
Il progetto, costato circa 3 milioni di euro, ha visto la costruzione di una corsia dotata di pannelli solari e una senza celle ma pronta ad ospitare vari test di superfici diverse. L'iniziativa riguarda un tratto di strada che collega Amsterdam con Krommenie, elemento che la rende estremamente utilizzata dai ciclisti: ogni giorno circa 2.000 cittadini la attraversano per andare a scuola o al lavoro.

Da domani, 70 metri di questa pista ciclabile saranno trasformati in pannelli solari, mentre entro il 2016 l'obiettivo è quello di raggiungere i 100 metri. A questo punto, secondo gli autori, l'energia raccolta sarà sufficiente per fornire corrente a tre famiglie. Per evitare che la polvere e lo sporco si depositino sul pannello, la pista ciclabile è stata costruita con una leggera inclinazione.
Per questo – oltre al fatto che essa non può muoversi per seguire il sole – la struttura riuscirà a raccogliere il 30% di energia in meno rispetto a quelle installate sopra i tetti. L'istituto di ricerca TNO, responsabile del progetto, pensa che quest'idea potrebbe espandersi anche oltre questo tratto di pista ciclabile. Più del 20% dei 140.000 chilometri di strade olandesi potrebbero essere adattate, aiutando a fornire corrente agli apparecchi più differenti, dai semafori alle auto elettriche.

SolaRoad pista ciclabile solare olanda

Sebbene Krommenie sarà la prima città ad ospitare una pista ciclabile dotata di pannelli solari, l'idea di utilizzare strade già esistenti per catturare l'energia solare è un'idea che ha catturato l'attenzione del mondo da diverso tempo. Due ingegneri americani, Julie e Scott Brusaw, hanno sviluppato alcuni pannelli solari da strada già nel 2006, mentre nel 2009 la loro società è stata messa sotto contratto dall'America's Federal Highway Administration.
A marzo la coppia ha sostituito il proprio posteggio con unità solari e, grazie ad un video virale, ha raccolto 2,2 milioni di dollari per produrre in scala il progetto. Se tutte le strade negli Stati Uniti venissero convertite in questo modo, il paese genererebbe tre volte l'energia che produce e ridurrebbe l'emissione di gas dannosi del 75%.