Diverse centinaia e probabilmente migliaia di account Twitter sono stati hackerati nel corso della mattinata come parte di un'operazione che sembrerebbe coinvolgere gruppi pro-Turchia. I profili colpiti, inclusi quelli di alcune personalità in vista e verificate all'interno del social network, hanno cominciato a twittare messaggi identici e caratterizzati dall'immagine di una svastica e dagli hashtag #Nazialmanya e #Nazihollanda. "Questo vi darà un #OttomanSlap (schiaffo ottomano)" si legge nei tweet, riferendosi al 16 aprile, giorno in cui la Turchia terrà un referendum costituzionale che potrebbe consolidare il potere del Presidente Recep Tayyip Erdogan e consentirgli di restare al comando del paese fino al 2029. I tweet includono anche un link che rimanda ad un video su YouTube pro-Erdogan.

L'attacco é avvenuto in un momento in cui i rapporti tra Turchia e Olanda si sono fatti sempre più tesi a causa delle sanzioni varate dal governo di Ankara contro Amsterdam, a cominciare dal divieto di rientro nella capitale turca dell'ambasciatore olandese Cornelis Van Rij e la chiusura dello spazio aereo ai diplomatici dei Paesi Bassi. Tra i provvedimenti anche la sospensione dei rapporti diplomatici di alto livello fin quando l'Olanda non permetterà che si tengano le iniziative politiche sul referendum turco anche in Olanda.

Non è ancora chiaro quanti account Twitter sono stati colpiti dall'attacco hacker, ma al centro dell'intrusione sarebbero finiti anche i profili di realtà come Amnesty International, la Duke University, Reuters Japan e BBC North America. La maggior parte degli account colpiti sarebbero affiliati di Twitter Counter, uno strumento analitico con sede proprio in Olanda. Lo stesso sistema di analisi era finito vittima di un attacco nel novembre del 2016 che aveva portato alla pubblicazione di numerosi tweet di spam. Al tempo l'azienda possedeva 2 milioni di account.

"Siamo a conoscenza della situazione e abbiamo iniziato ad investigare la questione" ha spiegato Twitter Counter in una nota. "Abbiamo già preso misure precauzionali per contenere questo abuso sui nostri utenti perpetrato utilizzando i nostri sistemi". Nessuna informazione in merito a password e dati di pagamento è stata compromessa. "I nostri team stanno lavorando per risolvere il problema" ha scritto Twitter. "Abbiamo negato gli accessi all'applicazione di terze parti coinvolta nell'attacco".