1,94 miliardi di persone. Sono gli utenti che ogni mese accedono a Facebook, realtà che ormai ha praticamente raggiunto il traguardo dei 2 miliardi di utenti. Si tratta di un incremento del 17 percento rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno che di fatto porta il social network di Mark Zuckerberg ad avere una base d'utenza pari ad un quarto della popolazione mondiale. Crescono anche i ricavi, che passano ad 8 miliardi di dollari con un incremento del 49 percento rispetto al 2016. Nel corso del primo trimestre dell'anno i profitti sono stati pari a 3 miliardi di dollari, una crescita del 76 percento rispetto ad un anno fa.

Risultati stellari, quindi, ma anche prevedibili vista l'incredibile spinta che caratterizza l'azienda da ormai quasi due anni. "Abbiamo registrato un ottimo inizio del 2017" ha spiegato Zuckerberg agli investitori. "Stiamo continuando a costruire strumenti per supportare una comunità globale molto forte". Per il momento, quindi, il fondatore e CEO non sembra per niente preoccupato del fatto che gli utenti possano perdere interesse nella sua creatura, ma, anzi, continua a puntare sullo sviluppo di strumenti che possano avere un impatto sulla società globale.

Facebook ha annunciato di voler investire la maggior parte dei ricavi nella ricerca e sviluppo, approccio già utilizzato da tempo: nell'ultimo trimestre ha investito 1,16 miliardi di dollari in questo campo. Anche le assunzioni sono ai massimi storici: attualmente ha 18.770 dipendenti, un incremento del 38 percento rispetto allo scorso anno. Oltre ai dati relativi a Facebook, Zuckerberg ha pubblicato anche i numeri aggiornati di tutti i suoi servizi: Instagram ha raggiunto i 700 milioni di utenti, mentre WhatsApp e Messenger hanno ormai raggiunto 1,2 miliardi di utenti mensili.