Direttamente dall'India arriva l'ultimo pericoloso virus in grado di rubare i dati bancari degli utenti iscritti a WhatsApp, un trojan che tramite l'invio di un file Excel allegato in una chat della popolare applicazione di messaggistica può ottenere i dati dell'online banking dell'utente per poi svuotargli il conto. A diffondere la notizia di questo nuovo virus su WhatsApp è la Central Intelligence Agencies indiana che da qualche giorno sta ricevendo decine di segnalazioni di utenti che si sono ritrovati il conto prosciugato dopo aver aperto uno strano file Excel ricevuto su WhatsApp.

Per aumentare le possibilità che la vittima apra il virus, i truffatori hanno "mascherato" il file con una finta comunicazioni del governo, in alcuni casi le comunicazioni arrivano dall’indiana National Defence Academy o, in alternativa, dalla National Investigation Agency, due organizzazioni molto note che facilitano l'apertura del documento ricevuto da parte degli utenti. Una volta aperto il file, la brutta notizia, il trojan si introduce nel dispositivo e recupera in pochi secondi tutte le informazioni sensibili dell'utente, compresi i dati di accesso al conto online.

Al momento la minaccia sembra aver colpito solo gli utenti del paese asiatico ma vista la rapida diffusione di questi virus è bene alzare il livello di attenzione e assicurarsi dell'autenticità dei messaggi ricevuti prima di cliccare su eventuali file o link sospetti. Nel dettaglio i file più comuni che in questi giorni stanno ricevendo numerosi utenti su WhatsApp sono documenti Excel che si chiamano "NDA-ranked-8th-toughest-College-in-the-world-to-get-into.xls" e "NIA-selection-order-.xls". Un'altra minaccia che invece ha già colpito numerosi utenti italiani è la truffa delle nuove emoticon animate, un falso aggiornamento che promette l'attivazione di nuove emoji da utilizzare all'interno delle conversazioni su WhatsApp che nasconde virus o in molti casi attiva costosi servizi in abbonamento.