Wind Tre è realtà, dal 31 dicembre 2016 la fusione tra Wind e 3 Italia ha dato vita alla più grande realtà nazionale di telefonia mobile con oltre 31 milioni di clienti e 2,7 milioni nel fisso. La nuova azienda, nata dall'unione delle due società operative H3G S.p.A e Wind Telecomunicazioni S.p.A. a seguito della joint-venture paritetica creata da CK Hutchison e VimpelCom, è guidata da Maximo Ibarra e ha l'obiettivo di diventare un player di riferimento nell’integrazione fisso-mobile e nello sviluppo delle reti in fibra di nuova generazione grazie anche all’accordo con Enel Open Fiber che porterà alla realizzazione della rete in banda ultralarga in Italia.

Insieme a Maximo Ibarra, già amministratore delegato di Wind Telecomunicazioni S.p.A., una squadra di manager di grande esperienza nazionale ed internazionale: Dina Ravera (Merger Integration Officer), Stefano Invernizzi (Finance, Control & Procurement), Benoit Hanssen (Technology), Paolo Nanni (Business & Wholesale), Luciano Sale (Human Resources), Mark Shalaby (Legal, Compliance & Regulatory), Michiel Van Eldik (Consumer & Digital) e Massimo Angelini (PR Internal & External Communication).

Sulla nascita della nuova azienda Wind Tre è intervenuto il CEO Ibarra che ha dichiarato: "Comincia una grande sfida di mercato, un’importante fase di sviluppo per l’economia digitale nel nostro Paese. Vogliamo essere leader nella relazione con i clienti grazie alla qualità delle nostre infrastrutture, alla trasparenza delle nostre offerte e alla passione delle nostre persone". Nei prossimi sette anni l'operatore di telefonia mobile Wind Tre investirà 7 miliardi di euro in infrastrutture digitali per offrire ai propri clienti servizi innovativi, di elevata qualità ed una maggiore velocità di rete.