migliori mirrorless

Le mirrorless sono una particolare tipologia di fotocamera leggera e compatta, ma al tempo stesso professionale, perchè hanno un mirino digitale e permettono la sostituzione dell'ottica. Sono pensate per risolvere la maggior parte dei problemi delle altre categorie di macchine fotografiche, in particolare delle fotocamere reflex.

Dato il loro grande successo negli ultimi anni, in commercio sono ormai in vendita tanti tipi di fotocamere mirrorless, adatte sia agli scopi professionali che a quelli amatoriali, ma soprattutto in grado di risolvere tutte le necessità di budget: esistono delle mirrorless economiche che è possibile acquistare con una spesa piuttosto contenuta, oppure delle mirrorless più professionali che vengono vendute sostanzialmente nella stessa fascia di prezzo delle reflex.

Per aiutarvi a comprendere meglio il mondo di queste macchine fotografiche digitali, abbiamo pensato di parlarvi prima di tutto dei vantaggi che portano e delle differenze con le DSLR, per poi elencarvi i prodotti che a parer nostro hanno il miglior rapporto qualità prezzo, e procedere con un'analisi dettagliata sulle caratteristiche tecniche da prendere in considerazione prima dell'acquisto della migliore mirrorless per le proprie esigenze.

Differenze tra fotocamera mirrorless e reflex

Nonostante entrambe le tipologie di fotocamera permettono la sostituzione dell'ottica, la differenza principale tra una fotocamera mirrorless e una reflex è nel loro interno. Le prime, a differenza delle DSLR, non utilizzano uno specchio per deviare la luce della lente verso il mirino (e da qui si capisce chiaramente perché vengono chiamate "mirrorless" cioè, senza specchio), il che ha permesso ai produttori di realizzare dei dispositivi decisamente più compatti e leggeri rispetto alle reflex.

Per questo, nelle mirrorless il mirino ottico è stato sostituito da un mirino digitale, anche se alcuni modelli economici – per contenere il prezzo – sono prodotti addirittura senza un mirino. Per questo, i più ferrati sull'argomento quando di parlano di fotocamere mirrorless le chiamano CSC o compact system cameras, cioè fotocamere di formato molto compatto, che vengono prodotte per tutte le fasce di prezzo e che, certo, possono essere adatte anche ai fotografi principianti, ma che includono addirittura modelli full frame che è possibile paragonare con le migliori reflex digitali, con le quali condividono anche il sensore utilizzato.

I vantaggi delle fotocamere mirrorless

Se le fotocamere mirrorless stanno diventando nel tempo la scelta principale anche di fotografi professionisti, è perché questa nuova tipologia di dispositivi porta con sé dei vantaggi non indifferenti, soprattutto in termini di dimensioni e peso, senza però rinunciare alla qualità delle foto, ma soprattutto dei video.

La mancanza dello specchio interno ha certo costretto i produttori a progettare dei mirini digitali al posto di quelli ottici, ma la leggerezza e le dimensioni più contenute delle mirrorless le hanno rese le macchine fotografiche con la migliore qualità proporzionata all'ingombro. Il che non è niente male e rende l'utilizzo della fotocamera decisamente più comodo sia per i fotografi professionisti che per quelli amatoriali.

Inoltre, data la conformazione delle ottiche interne nelle mirrorless e la possibilità di sostituire le ottiche proprio come con le reflex, questo tipo di fotocamera rende molto più semplice la gestione dell'autofocus nella registrazione dei video: infatti, sempre più videomakers professionisti hanno abbandonato l'idea di produrre i propri filmati con DSLR o con le videocamere, e le hanno sostituite proprio con le mirrorless che, soprattutto nella fascia alta, garantiscono video di alta qualità con un autofocus decisamente preciso e veloce.

Migliori fotocamere mirrorless economiche

Iniziamo la nostra rassegna di prodotti con le migliori mirrorless economiche, cioè prodotti che portano con sé buone caratteristiche tecniche accompagnate da un prezzo decisamente accessibile e adatto a tutte le tasche, perfette per chi vuole iniziare a cimentarsi con il mondo della fotografia.

Fujifilm X-A10

migliori mirrorless

Con un sensore APS-C da 16 megapixel la Fujifilm X-A10 è una mirrorless perfetta per i principianti che integra un display che si può ruotare totalmente in modo da poter guardare l'inquadratura anche in caso di selfie o di registrazione dei video. I video possono essere registrati con una risoluzione massima FullHD e viene venduta con un obiettivo XC16-50mmF3.5-5.6 OIS II, che è stabilizzato otticamente. Integra la modalità di scatto wireless e può essere controllata tramite lo smartphone ed un'applicazione per iPhone e Android.

Canon EOS M100

migliori mirrorless

La Canon EOS M100 è una mirrorless molto interessante che utilizza un sensore APS-C da 24 megapixel ed un processore d'immagine DIGIC-7. La sensibilità iso varia fra 100 e 25.600 ed ha un sistema di autofocus Dual Pixel con 49 punti di messa a fuoco. Integra un display basculante e può registrare video con una risoluzione massima FullHD a 60 fps. Integra infine il WiFi e il Bluetooth per il controllo remoto tramite applicazione.

Panasonic Lumix GX80

migliori mirrorless

La Panasonic Lumix GX80 è un modello con sensore Micro quattro Terzi da 16 megapixel, in grado di scattare foto di buona qualità anche grazie alla stabilizzazione dell'immagine Dual IS. Una delle sue caratteristiche principali è quella di poter scattare fotografie in 4K e dispone di un display touch che può essere inclinato. Il mirino elettrinico è da 2.7 milioni di punti ed integra sia il WiFi che il Bluetooth, che un obiettivo da 12-32 millimetri in kit.

Migliori fotocamere mirrorless di fascia media

Arriviamo alle migliori mirrorless di fascia media, dei dispositivi che sono sostanzialmente caratterizzati da un rapporto qualità prezzo molto bilanciato e che si rivolgono a quelle persone che hanno determinate necessità di lavoro che richiedono un salto di qualità rispetto ai modelli economici, ma che non vogliono spendere cifre astronomiche per l'acquisto della macchina fotografica.

Canon EOS M50

migliori mirrorless

La Canon EOS M50 è un modello che utilizza un sensore APS-C da 24.2 megapixel e che riesce a supportare ISO che variano da 100 a 25.600 e che possono essere estesi fino a 51.200. Riesce a scattare anche in modalità raffica, con 7.4 fps in piena risoluzione, anche grazie alla modalità AF Servo, mentre a fuoco fisso arriva a 10 fps. Integra un auto focus a 143 punti, un touch screen orientabile da 3" e, chiaramente, un mirino elettronico e WiFi e Bluetooth per il controllo remoto tramite applicazione. Viene venduta con un ottica in kit da 15-45 mm.

Sony Alpha 7K

migliori mirrorless

Venduta in kit con un obiettivo 28-70mm, la Sony Alpha 7K è un modello Full Frame di ottima qualità con una risoluzione di 24.3 megapixel. Utilizza il processore di immagini Bionz X e gestisce 117 punti di messa a fuoco. La gestione degli ISO varia da 100 a 25.600, mentre i video vengono registrati con una risoluzione massima di FullHD. Il display è da 2.36 pollici. Viene venduta in kit con un obiettivo SEL 28-70mm.

Sony Alpha 6300

migliori mirrorless

La Sony Alpha 6300 è senza ombra di dubbio una delle migliori mirrorless con sensore APS-C di fascia media. La risoluzione è di 24.2 megapixel ed integra un obiettivo 16-50 non motorizzato che può essere sostituito senza problemi. La sensibilità ISO massima è di 51.200 e i video possono essere registrati alla risoluzione massima 4K Ultra HD.

Migliori fotocamere mirrorless professionali

Arriviamo infine alle migliori mirrorless di fascia alta, prodotti destinati perlopiù ad un utilizzo professionale in grado di competere senza alcuna difficoltà con le reflex, con le quali condividono anche i sensori utilizzati e tutte le modalità di scatto.

Panasonic Lumix GH5

migliori mirrorless

La Panasonic Lumix GH5 è una delle mirrorless più apprezzate dai videomaker e dai professionisti, proprio perché è in grado di garantire una qualità delle riprese video senza compromessi. Il sensore è da 20 megapixel senza filtro passa basso ed è dotata di un doppio stabilizzatore: uno nel corpo macchina a 5 assi, uno nell'obiettivo. È un modello in grado di registrare alla risoluzione video 4K Ultra HD con un frame rate massimo di ben 60 fps.

Sony Alpha 7 Mark III

migliori mirrorless

La Sony Alpha 7 mk 3 utilizza un sensore Full Frame da 24.2 megapixel che assiema al processore Bionz X ed un sistema di messa a fuoco automatico con ben 693 punti, rappresenta una delle scelte più comuni tra i fotografi professionisti e i videomakers. La stabilizzazione è a cinque assi ed è integrata nel corpo macchina e la sensibilità ISO è incredibile: il range varia da 100 a 204.800.  I video possono essere registrati alla risoluzione 4K UltraHD anche in modalità HDR.

Nikon Z6

migliori mirrorless

Venduta in kit con un NIKKOR Z 24-70 F/4 S la Nikon Z6 è una delle migliori mirrorless in circolazione. Il sensore è un Full Frame da 24.5 megapixel con 273 punti per la messa a fuoco e dispone sia di un mirino OLED da 3.7 megapixel che di un LCD da 3.2 pollici. Registra video in 4K Ultra HD a 30 FPS ed utilizza l'innesto Nikon Zmount che l'azienda ha ottimizzato per le mirrorless di fascia alta.

Come scegliere la migliore mirrorless

Come certamente capirete, per scegliere la migliore mirrorless per le proprie necessità non basta solo basarsi sul prezzo di vendita. Come in tutte le tipologie di fotocamera, anche per le mirrorless è necessario valutare una serie di caratteristiche tecniche molto importanti.

Sensore

La prima caratteristica da valutare prima dell'acquisto della migliore mirrorless per le proprie necessità, è chiaramente quella del sensore. È la componente più importante e non è altro che un chip formato da fotodiodi al quale è dato il compito di "registrare" la luce e le informazioni ad essa collegate e che, assieme ad un processore di immagini (ISP) trasforma le informazioni fisiche in contenuti digitali che daranno vita alla fotografia salvata sulla scheda di memoria.

In linea di massima, in commercio le tipologie di sensore utilizzate nelle mirrorless sono tre, ecco tutte le principali caratteristiche:

  • Mirrorless Full Frame: si tratta delle mirrorless con il sensore più grande che garantisce la migliore qualità. Sono i modelli più costosi perché utilizzano un sensore di 24×36 millimetri che equivale allo standard di una pellicola da 35, e che è in grado di rilevare un quantitativo di luce migliore rispetto ai modelli più piccoli. Ha in più un numero maggiore di pixel e può riprendere un campo superiore offrendo un effetto bokeh (sfocato) di migliore qualità.
  • Mirrorless APS-C: è il formato forse più bilanciato in termini di prezzo e prestazioni, il sensore misura 23 x 15 millimetri ed hanno un rapporto di crop (cioè il fattore di taglio) pari a 1,5x su modelli Sony e Nikon, e 1,6x su quelli Canon. Chiaramente la qualità ottica e digitale scende di qualche gradino, ma questa soluzione permette di acquistare modelli con un buon rapporto qualità prezzo.
  • Mirrorless Quattro Terzi: utilizzano un sensore che misura 17 x 13 millimetri ed hanno un rapporto di crop di 2X rispetto alle Full Frame. Negli ultimi anni questo tipo di sensore sta venendo sempre più abbandonato, a favore dell'APS-C, soprattutto perché con questi modelli l'effetto bokeh viene ridotto sensibilmente, dato il crop elevato.

Oltre alla tipologia del sensore, è importante valutare anche i relativi megapixel. Una misura che negli ultimi anni ha perso leggermente d'importanza perché rappresenta esclusivamente la definizione della fotografia in condizioni ottimali. Ed è chiaro che la qualità di una foto non dipende da questo, ma da tante altre caratteristiche delle quali parleremo a brevissimo. In soldoni, a parer nostro già un modello dotato di un sensore da 16 megapixel potrà dare buone soddisfazioni, a meno che non si abbiano necessità professionali ben specifiche.

Sensibilità ISO

La sensibilità ISO non è altro che la sensibilità di acquisizione della luce. Le mirrorless hanno la possibilità di aumentare o diminuire questo valore, in base alle necessità di scatto, e lo fanno sostanzialmente perché ad ISO molto elevati, che vengono utilizzati in condizioni di scarsa luminosità, corrisponde un rumore decisamente più alto: si tratta di quello "sporco" che si vede soprattutto nelle immagini scure, che è sempre meglio evitare.

Per questo, prima di acquistare una mirrorless è importante valutare bene a che ISO riesce a lavorare, in modo da potersi garantire scatti decenti anche in condizioni di scarsa luminosità, evitando il più possibile il rumore.

Velocità di scatto

Chiamata dagli esperti "raffica", la velocità di scatto rappresenta il numero massimo di fotografie che la fotocamera è in grado di scattare e salvare in serie e rapidamente tenendo premuto il pulsante di scatto. Maggiore sarà la velocità della raffica, maggiore saranno le possibilità di salvare una buona fotografia soprattutto in particolari circostante (come ad esempio nel corso di eventi sportivi oppure, perché no, anche per scattare foto ad un animale o un cane che gioca).

Si tratta del valore in cui le mirrorless hanno di gran lunga superato le reflex: alcuni modelli riescono anche a permettere lo scatto di 15 fotogrammi al secondo a piena risoluzione!

Autofocus

Le migliori mirrorless permettono lo scatto di fotografie sia tramite messa a fuoco manuale che tramite messa a fuoco automatica, ed alcuni modelli possono avere anche più punti di messa a fuoco, in modo da migliorare e velocizzare le prestazioni. Il nostro consiglio, prima dell'acquisto di una fotocamera, è quello di valutare bene la velocità di messa a fuoco, in modo da evitare il più possibile problemi soprattutto con gli scatti veloci, ed ottenere sempre buoni risultati.

Obiettivi

Anche la questione obiettivi è importante, soprattutto perché nella stragrande maggioranza dei casi (a meno che non si acquisti un modello super-professionale) le mirrorless vengono spesso vendute in "kit" che includono il corpo macchina ed un'ottica per poter subito fotografare. Per non entrare troppo nello specifico (se volete sapere come scegliere il miglior obiettivo per fotocamera, vi consigliamo di leggere il nostro approfondimento), è importante conoscere i tre fattori che più fanno differenziare un particolare obiettivo da un altro:

  • Lunghezza focale: non è altro che la distanza tra il sensore e il centro della lente dell'obiettivo quando è impostato con messa a fuoco su infinito. Viene espresso in millimetri ed è il valore che definisce le lenti grandangolari (che hanno una lunghezza focale minore di 35 millimetri), le lenti tradizionali (con lunghezza focale pari alla diagonale del formato) e i teleobiettivi (con lunghezza focale superiore a 50 millimetri). Ci sono poi anche gli obiettivi macro, caratterizzati da una ridottissima distanza di messa a fuoco.
  • Apertura di diaframma: è un valore che viene valutato agli estremi della lunghezza focale e che dipende dall'apertura massima del diaframma dell'ottica utilizzata. Viene misurata in F-stop e per fare due esempi pratici, le ottiche con f/1.8 sono definite molto ampie (e luminose) mentre le ottiche f/6.3 hanno una bassa apertura (e sono meno luminose). Insomma, maggiore minore è questo valore, maggiore sarà la quantità di luce in grado di entrare nell'ottica.
  • Stabilizzazione: è molto importante e serve a ridurre i micro-movimenti dovuti all'inquadratura e alle vibrazioni. Le migliori ottiche permettono di guadagnare addiritura 4/5 stop ed evitare i micromossi, soprattutto in condizioni di scarsa luminosità, dove il tempo di scatto potrebbe essere più lungo del solito.

Registrazione dei video

Anche la registrazione dei video è importante nella scelta di una mirrorless. La differenza principale sta nella risoluzione di registrazione ma, in questo momento, la scelta è piuttosto semplice e nonostante le risoluzioni video siano parecchie, in realtà ad oggi la differenza principale tra i modelli di mirrorless in vendita va fatta solo tra due possibilità:

  • FullHD: cioè una risoluzione di 1920×1080 pixel
  • 4K Ultra HD: cioè una risoluzione di 3840×2160 pixel

Un altro fattore molto importante con cui valutare la qualità della registrazione video nelle mirrorless è il bitrate, cioè la "compressione" dell'immagine. Maggiore sarà il bitrate, minore sarà il degradamento dell'immagine. Il nostro consiglio è di optare per modelli che registrano almeno a 15/20 Mbps, anche se in commercio ci sono mirrorless professionali in grado di arrivare anche a 100 Mbps.

Infine, è molto importante anche considerare il framerate della registrazione video. I video possono essere normalmente registrati a 25 o 30 fps, ma se si vuole una registrazione più fluida, il nostro consiglio è quello di valutare l'acquisto di una mirrorless in grado di registrare a 60 fps. Alcuni modelli, inoltre, danno la possibilità di registrare anche slow motion, arrivando a 120 o 240 fps.