Un raffrescatore evaporativo, conosciuto anche come raffrescatore ad acqua, è un dispositivo che rinfresca l'aria sfruttando l'evaporazione dell'acqua fredda. Si tratta di elettrodomestici che negli ultimi anni stanno riscuotendo  grande successo perché non richiedono installazione, sono sprovvisti di tubo di scarico, sono molto facili da utilizzare e costano meno dei climatizzatori portatili. Specifichiamo che i raffrescatori ad acqua non vanno confusi con i condizionatori portatili, ma ne rappresentano l'alternativa economica. Infatti, è meglio definirli come ventilatori capaci di rinfrescare l'aria attraverso l'evaporazione dell'acqua fredda. Inoltre rispetto ai climatizzatori portatili garantiscono consumi ridotti, sono più silenziosi ed ecologici, perché funzionano senza gas refrigeranti dannosi per l'ambiente. C'è però da specificare che le prestazioni dei raffrescatori evaporativi non sono paragonabili a quelle dei condizionatori, ma si avvicinano a quelle di un ventilatore. Il loro funzionamento è abbastanza semplice: sono dotati di una ventola interna simile a quella dei ventilatori ma che, oltre a spostare l'aria, la aspirano dall'esterno e la diffondono nuovamente nell'ambiente, rinfrescata grazie al contatto con un pannello evaporativo continuamente bagnato con l'acqua.

Alcuni tra i modelli disponibili in commercio, inoltre, utilizzano anche il ghiaccio per refrigerare l'aria o, addirittura, sono in grado di purificarla, rendendola più salubre.

Nella scelta del modello giusto bisogna tener conto della potenza e della portata d'aria, oltre che dei consumi elettrici, della capienza del serbatoio dell'acqua e delle diverse funzioni disponibili.
In questa guida all'acquisto vedremo quali sono i migliori raffrescatori evaporativi domestici, proposti da marchi come Argo e Bimar, come funzionano e come scegliere quello più adatto alle proprie esigenze.

Classifica dei migliori raffrescatori evaporativi domestici

Di seguito abbiamo stilato la classifica dei migliori raffrescatori evaporativi. I modelli sono stati selezionati in base alla marca, alla portata d'aria e alla potenza in generale, ma anche in virtù delle funzioni messe a disposizione, dei consumi elettrici e delle dimensioni.

1. Argo Polifemo CLEO: raffrescatore evaportivo silenzioso

Questo Argo Polifemo CLEO è tra i raffrescatori evaporativi domestici più silenziosi sul mercato, con un design molto particolare che si distacca dalla concorrenza. In particolare questo modello è sprovvisto di pale ma presenta un grosso foro centrale che garantisce una distribuzione dell'aria omogenea, evitando la rumorosità tipica della ventilazione.

La tanica dell'acqua presenta una capacità di 4 Litri, con la possibilità di utilizzare anche le tavolette di ghiaccio, di cui 2 già incluse nel prezzo. Per quanto riguarda le funzioni, questo raffrescatore d'aria presenta un timer di spegnimento fino a 8 ore e la funzione di memorizzazione delle impostazioni in caso di mancanza di corrente. In più include 3 modalità di ventilazione di cui Normal, per un getto normale, Sleep, con una ulteriore riduzione della rumorosità e Natural.
L'intera struttura pesa circa 5,7 Kg, un peso non eccessivo, ma è sprovvista di ruote.

Pro: dispositivo silenzioso, design moderno, tanica da 4L per acqua e ghiaccio, timer fino a 8 ore, 3 modalità di ventilazione.

Contro: sprovvisto di ruote.

2. BLACK+DECKER BXAC5E: raffrescatore evaporativo portatile

Il BLACK+DECKER BXAC5E è un raffrescatore portatile ad acqua e ghiaccio domestico che presenta diverse funzionalità interessanti. Prevede una tanica dell'acqua da 5 Litri ed è possibile utilizzare anche il ghiaccio sintetico per aumentare la sensazione di refrigerio.

Il pannello dei controlli presenta 6 pulsanti che permettono di avviare l'apparecchio, di regolare la velocità scegliendo tra tre possibilità e di switchare tra la funzione raffrescatore e quella umidificatore. La struttura risulta molto compatta e semplice da posizionare anche in ambienti particolarmente piccoli. In più presenta una maniglia e delle pratiche rotelle che ne rendono il trasporto davvero comodo e semplice.
Di sicuro uno dei migliori raffrescatori evaporativi portatili a un prezzo accessibile.

Pro: tanica da 5 Litri, utilizzo semplice, trasporto comodo con maniglia e rotelle, funzione raffrescatore e umidificatore.

Contro: rimozione tanica poco pratica.

3. Raffrescatore portatile con filtro anti-polvere Bimar VR29

Anche questo raffrescatore Bimar VR29 è un modello da prendere in considerazione per rinfrescare gli ambienti domestici. In particolare si tratta di un raffrescatore evaporativo purificatore, in grado cioè di assicurare anche una discreta purificazione dell'aria, grazie all'apposito filtro antipolvere.

L'elettrodomestico presenta una capiente tanica da 8 Litri che, con un solo carico, permette di godere di aria fresca per circa 12 ore consecutive. Il raffrescatore include anche un pratico telecomando, da poter utilizzare in alternativa al pannello dei comandi. Tra le funzioni selezionabili è possibile regolare la modalità e la velocità di erogazione dell'aria, attivare l'oscillazione a destra e sinistra, la funzione rinfrescante e quella ionizzante, oltre al timer di spegnimento.

Il raffrescatore ha un peso di circa 8 Kg e presenta un design compatto, senza particolari segni distintivi.

Pro: purifica l'aria, tanica da 8 Litri, 12 ore di autonomia, telecomando incluso, oscillazione destra/sinistra, potenza regolabile.

Contro: design non particolarmente memorabile.

4. Raffrescatore ad acqua portatile Pro Breeze

Altro modello interessante è questo raffrescatore ad acqua domestico Pro Breeze che spicca senza dubbio per la sua capacità. Presenta infatti una tanica da ben 10 Litri, che permette di utilizzare questo elettrodomestico per diverse ore prima di doverla ricaricare. Nonostante le dimensioni elevate di tanica e struttura, questo raffrescatore d'aria può essere spostato con semplicità mediante la pratica maniglia e le quattro ruote girevoli.

Anche sul piano delle prestazioni questo modello spicca, riuscendo a garantire fino a 408 metri cubi di aria fresca all'ora, caratteristica che lo rende perfetto anche per ambienti di medie dimensioni. Oltre all'acqua è possibile utilizzare anche i panetti di ghiaccio inclusi, da riempire e congelare, in modo da aumentare sensibilmente la sensazione di refrigerio. Molto pratico è utilizzabile sia mediante il display LED che tramite il telecomando incluso, per regolare la velocità di erogazione, impostare il timer, o selezionare la modalità silenziosa, ideale per la notte.

Pro: capiente tanica da 10L, maniglia e ruote incluse, potente erogazione fino a 408 metri cubi d'aria/h, telecomando incluso.

Contro: prezzo non economico.

5. KLARSTEIN Skyscraper Ice portatile

Il KLARSTEIN Skyscraper Ice è un modello di raffrescatore evaporativo domestico dal design davvero curato dalla forma a torre, con linee sinuose e una colorazione lucida che non passa certo inosservata.
Si può considerare come un vero e proprio dispositivo 4 in 1, utilizzabile come raffrescatore evaporativo, ventilatore, ma anche come purificatore e umidificatore.

Sul piano delle prestazioni riesce a garantire un getto d'aria fino a 210 metri cubi all'ora, con la possibilità di selezionare la velocità in base a tre diversi livelli. La tanica presenta un'ottima capacità di 6 Litri, il che garantisce una buona autonomia di utilizzo. In più, oltre all'acqua, è possibile utilizzare naturalmente anche le due piastre di ghiaccio sintetico in dotazione, in modo da ottenere risultati ancora migliori in termini di refrigerio.
Le funzioni sono in linea di massima quelle comuni agli altri prodotti di questo tipo tra cui l'oscillazione automatica a 180 gradi, il timer di spegnimento fino a 7,5 ore, l'indicatore del livello dell'acqua e tre modalità di ventilazione, normale, naturale e notte.

Pro: design curato, dispositivo 4 in 1, getto d'aria fino a 210 metri cubi/h, tanica da 6 Litri, oscillazione automatica a 180°.

Contro: prezzo non economico.

6. Olimpia Splendid 99312

Il prossimo modello è questo Olimpia Splendid 99312, altro raffrescatore evaporativo domestico portatile con un design a colonna molto bello esteticamente. Dispone inoltre di un pratico display LED con comandi touch e un telecomando, che ne rendono l'utilizzo più semplice e pratico.

Le prestazioni sono notevoli in quanto è in grado di garantire un'emissione d'aria fino a 300 metri cubi all'ora. In più prevede lo ionizzatore integrato, che permette di disperdere ioni negativi nell'aria, per una maggiore sensazione di freschezza e un'aria in generale più ossigenata. Include anche un timer fino a 12 ore, tre diverse velocità di erogazione e una base rotante, per distribuire l'aria in maniera omogenea in tutta la stanza. L'unico appunto riguarda la tanica, la quale presenta una capienza di 3,5 L, decisamente inferiore rispetto ad altri modelli.

Pro: ionizzatore integrato, design esteticamente gradevole, emissione fino a 300 metri cubi/h, timer fino a 12 ore, tre velocità di erogazione.

Contro: tanica da 3,5 Litri poco capiente.

7. Ardes AR5R06D

Per chi è alla ricerca di un raffrescatore evaporativo domestico economico e pratico da utilizzare, questo Ardes AR5R06D può essere una soluzione da prendere in considerazione. Nonostante il prezzo molto accessibile, infatti, questo elettrodomestico è in grado di rinfrescare al meglio ambienti di piccole dimensioni.

La struttura è davvero minimale con un peso di soli 4,1 Kg e delle pratiche rotelle per poterlo trasportare ovunque si preferisca. L'utilizzo è semplice e intuitivo grazie alla presenza di pulsanti touch e di un pratico telecomando per il controllo da remoto. Sul piano delle funzioni permette di selezionare la velocità, in base a 3 livelli, e di impostare il timer di spegnimento fino a 12 ore, oltre a consentire l'utilizzo sia con l'acqua che con i panetti di ghiaccio in dotazione.
C'è inoltre la possibilità di scegliere tra la modalità brezza e quella notturna, che assicura una minore rumorosità.

Pro: prodotto economico, peso contenuto, pratiche rotelle, 3 livelli di velocità, timer fino a 12 ore, modalità brezza e notturna.

Contro: non adatto ad ambienti troppo grandi.

8. G3Ferrari G50023

Il G3Ferrari G50023 è un modello di raffrescatore d'aria domestico estremamente pratico, dal design carino e colorato. Il prodotto è abbastanza economico e garantisce 3 diverse velocità di erogazione dell'aria fredda, con la funzione "Super Fresco" che assicura un maggiore refrigerio.

Sono presenti delle alette oscillanti per direzionare il getto, in modo da poterlo indirizzare dove più si preferisce. La tanica ha una capacità di 2,5 Litri, in grado di garantire un'autonomia intorno alle 8/10 ore. Include anche dei pratici siberini per raffreddare più rapidamente l'acqua. Il motore ha una potenza di 65 W e la classe di efficienza energetica è la A, per consumi elettrici decisamente ridotti.
Nella confezione è incluso anche un filtro per la purificazione dell'aria. L'unica pecca di questo modello è che, pur essendo di dimensioni ridotte, e quindi semplice da spostare, non è provvisto di rotelle.

Pro: design carino e colorato, 3 velocità di erogazione, 8/10 ore di autonomia, siberini inclusi, filtro per la purificazione dell'aria incluso.

Contro: sprovvisto di rotelle.

9. MACOM Enjoy & Relax 997

Un raffrescatore evaporativo domestico completo e funzionale è di sicuro questo MACOM Enjoy & Relax 997. Nello specifico mette a disposizione 3 diverse velocità di erogazione e 3 programmi di ventilazione a flussi variabili, oltre alla funzione oscillante a 90° e lo spegnimento automatico.

Interessanti anche le prestazioni di questo modello con 330 metri cubi d'aria all'ora garantiti, il che lo rende utilizzabile anche in ambienti di medie o grandi dimensioni. L'utilizzo appare molto semplice e intuitivo grazie alla presenza di un pannello con comandi soft touch e un telecomando per il controllo a distanza.
Compresi nel prezzo anche due ice box, da poter utilizzare per una maggiore sensazione di freschezza, e un manuale di istruzioni, ideale per chi non è particolarmente pratico con questi dispositivi.

Pro: 3 velocità di erogazione, 3 programmi di ventilazione, funzione oscillante a 90°, spegnimento automatico, emissione di 330 metri cubi d'aria all'ora.

Contro: leggermente più rumoroso rispetto ad altri modelli.

10. KLARSTEIN Skyscraper Horizon

Concludiamo con il KLARSTEIN Skyscraper Horizon, un modello di raffrescatore evaporativo portatile domestico dalle prestazioni decisamente sopra la media. Il potente ventilatore interno è infatti in grado di garantire un getto fino a 486 metri cubi all'ora, regolabile su tre diversi livelli.

Si tratta di un raffrescatore evaporativo domestico 3 in 1 che non solo rinfresca l'aria ma la umidifica e la raffredda. Le lamelle sono orientabili in verticale di 60° in modo da poter direzionare il flusso d'aria dove più si preferisce. L'utilizzo appare semplice e intuitivo grazie alla presenza di un pratico pannello di controllo con comandi touch e un telecomando, che permettono di regolare e gestire al meglio le varie funzioni. Notevole anche il design decisamente moderno, e il serbatoio da 3,5 Litri.
Il timer permette di regolarne lo spegnimento fino a 8 ore.

Pro: prestazioni eccellenti, fino a 486 metri cubi d'aria/h, funzioni 3 in 1, design moderno, timer di spegnimento fino a 8 ore.

Contro: prezzo non economico.

Come funziona un raffrescatore ad acqua

Il raffrescatore evaporativo si basa su un funzionamento molto semplice. Questo elettrodomestico, infatti, prevede un apposito serbatoio, o vaschetta, che va riempito con dell'acqua o del ghiaccio a seconda del design del modello. Il dispositivo è dotato poi di una ventola interna che, una volta azionata, aspira l'aria calda dall'esterno, facendola passare attraverso un particolare filtro antipolvere. L'aria filtrata viene poi spinta attraverso un pannello evaporativo con struttura a nido d'ape.

Questo pannello è costantemente bagnato essendo a contatto con l'acqua presente nel serbatoio. L'aria, di conseguenza, si refrigera passando attraverso questo pannello, prima di essere immessa nell'ambiente esterno rinfrescandolo. Si tratta quindi di un meccanismo molto semplice che sfrutta un elemento naturale come l'acqua, evitando l'utilizzo di gas refrigeranti come per i condizionatori moderni.

L'utente, dal canto suo, non dovrà far altro che riempire la tanica con l'acqua, collegare l'elettrodomestico in corrente e azionarlo. Questo, poi, può essere posizionato dove meglio si crede essendo i raffrescatori evaporativi portatili, e non necessitando di alcun tipo di installazione o tubo di scarico. Una soluzione economica, pratica e semplice da utilizzare.

Pro e contro di un raffrescatore evaporativo domestico

I raffrescatori evaporativi portatili sono degli elettrodomestici utilissimi, che permettono di rinfrescare l'aria in modo semplice, pratico e soprattutto economico. Questi presentano infatti degli enormi vantaggi, e qualche svantaggio, che è importante conoscere prima dell'acquisto, in modo da essere certi di fare la scelta giusta.

Per quanto riguarda i vantaggi questi riguardano:

  • Prezzo: il prezzo dei raffrescatori d'aria, rispetto anche ad altri prodotti domestici come i condizionatori portatili o i climatizzatori, è molto più accessibile. Questi infatti sono dispositivi molto economici che si collocano in fasce di prezzo che vanno dai €50 fino a, massimo, €200 per i modelli più professionali.
  • Consumi: i raffrescatori evaporativi ad acqua, rispetto ad altre soluzioni, presentano dei consumi decisamente ridotti.
  • Installazione e utilizzo: come detto, per poter utilizzare un raffrescatore non è necessaria alcuna installazione. Tutto ciò che si deve fare è collegare il dispositivo in corrente e caricare l'acqua, o il ghiaccio, per poterlo utilizzare fin da subito. Non presentano tubi di scarico o altre componenti difficili da collocare.
  • Impatto ambientale: i raffrescatori ad acqua sono anche degli elettrodomestici ecologici, con un bassissimo impatto ambientale. Per poter funzionare infatti non utilizzano alcun gas refrigerante (come i condizionatori) ma sfruttano elementi naturali come acqua e ghiaccio. Di conseguenza non rilasciano nessuna sostanza nell'atmosfera e, in più, non inquinano l'aria domestica. Alcuni modelli addirittura sono in grado di purificare l'aria, attraverso degli appositi filtri antipolvere.
  • Portabilità: I raffrescatori evaporativi portatili possono essere trasportati da una stanza all'altra senza problemi. Spesso sono anche dotati di apposite ruote che ne semplificano lo spostamento.
  • Rumorosità: nella maggior parte dei casi i raffrescatori risultano molto più silenziosi rispetto ad altre soluzioni come i ventilatori. Alcuni includono anche la modalità "Notte" che diminuisce ulteriormente la rumorosità.
  • Umidità: in molti sono convinti, erroneamente, che i raffrescatori evaporativi domestici aumentino il livello di umidità nell'aria. In realtà non è così in quanto, pur sfruttando l'acqua per raffreddare il getto d'aria, questa è emessa sottoforma di vapore ed è totalmente impercettibile.

Come detto questi dispositivi presentano anche degli svantaggi che riguardano principalmente:

  • Prestazioni: rispetto a un condizionatore, i raffrescatori d'aria garantiscono prestazioni inferiori, con un livello di freschezza dell'aria percepito minore rispetto ai primi.
  • Metratura: fatta eccezione per alcuni modelli più grandi e costosi, i raffrescatori non sono dispositivi adatti a stanze di grandi dimensioni. Questi sono per lo più indicati per ambienti piccoli.

Come scegliere il miglior raffrescatore evaporativo

I raffrescatori evaporativi domestici non sono tutti uguali e presentano delle caratteristiche molto diverse tra loro. Per poter scegliere il modello giusto è importante tener conto di alcuni aspetti decisivi che possono fare la differenza. Tra questi di sicuro bisogna tener conto della portata d'aria e della potenza del dispositivo, dei consumi elettrici, della capienza del serbatoio, che ne determina l'autonomia, ma anche della rumorosità e delle funzioni messe a disposizione.

Vediamo quindi come scegliere un raffrescatore evaporativo ad acqua e quali sono i fattori più importanti da considerare prima dell'acquisto.

Potenza e portata d'aria

Potenza e portata d'aria sono due aspetti molto importanti e profondamente connessi. La valutazione tecnica di un raffrescatore evaporativo deve partire proprio da questi due valori. La potenza del dispositivo, espressa in Watt, è in grado di determinare la portata d'aria garantita, espressa invece in metri cubi.
Tramite la portata d'aria è possibile capire quanta aria effettiva riuscirà a smuovere il raffrescatore.

In genere un apparecchio con una potenza di 100W riesce a smuovere circa 800 metri cubi d'aria all'ora, il che è un ottimo risultato. Dispositivi più piccoli e meno potenti raggiungono in genere dai 200 ai 300 metri cubi d'aria all'ora.

In ogni caso, per poter valutare un modello in base a questo parametro, è importante anche considerare la stanza che si intende rinfrescare. Maggiore saranno i metri quadri della stanza, maggiore sarà la potenza necessaria.

Autonomia e capacità del serbatoio

I raffrescatori ad acqua sono apparecchi che montano dei serbatoi, o taniche, che vanno caricati prima dell'utilizzo. L'autonomia dell'elettrodomestico, quindi, dipenderà direttamente dalla capacità del serbatoio. Una minore capacità vuol dire dover ricaricare più di frequente la tanica con l'acqua.
In genere un buon apparecchio assicura una capacità di 5/6 Litri anche se è possibile trovarne altri con capacità fino a 10 Litri.

Naturalmente sull'autonomia influisce anche la potenza dell'elettrodomestico. Raffrescatori più potenti consumano l'acqua più velocemente, e necessitano quindi di essere ricaricati più di frequente. Se si ha il giusto spazio a disposizione, comunque, è sempre meglio optare per apparecchi che offrano una capacità maggiore.

Trasportabilità e dimensioni

I raffrescatori sono dei dispositivi mobili che possono essere spostati in maniera agile da una stanza all'altra. Alcuni modelli, però, rispetto ad altri, presentano un migliore grado di trasportabilità, favorito dalla presenza di alcuni accessori. I modelli più versatili presentano ad esempio una pratica maniglia e delle rotelle, in modo da semplificarne di molto il trasporto.

In questo influiscono molto anche le dimensioni. I vari raffrescatori possono infatti presentare dimensioni differenti che li rendono più o meno semplici da trasportare. I dispositivi più piccoli sono naturalmente più comodi da trasportare ma, in generale, anche i più grandi non presentano grosse difficoltà, trattandosi per l'appunto di apparecchi che non vengono installati in una singola stanza.

Utilizzo e funzioni

Uno dei plus di dispositivi come i raffrescatori ad acqua è il fatto che siano molto semplici da utilizzare. In genere presentano un pratico pannello dei comandi, tramite il quale poter selezionare le varie funzioni e modalità. I modelli più avanzati, inoltre, includono anche un telecomando, che permette di governare il dispositivo a distanza senza doversi alzare. Proprio riguardo le funzioni è importante capire che ce ne sono diverse interessanti, da poter sfruttare a proprio vantaggio.

In particolare:

  • Modalità d'uso: in genere i vari dispositivi permettono di scegliere tra 3 modalità d'uso principali ovvero: normale, con la quale si seleziona manualmente la velocità del getto, naturale, una modalità di lavoro automatica, e notturna, con una velocità ridotta.
  • Timer accensione: un timer che permette di programmare l'accensione del dispositivo a un determinato orario.
  • Auto-spegnimento: permette di selezionare l'ora in cui l'apparecchio dovrà spegnersi.
  • Ionizzatore: una funzione che non tutti i dispositivi hanno e che permette di rinfrescare e ossigenare ulteriormente l'aria rilasciando ioni negativi.
  • Umidificatore: alcuni modelli permettono di umidificare l'aria, una funzione molto utile nel caso di ambienti particolarmente secchi.
  • Purificazione dell'aria: la maggior parte dei raffrescatori è munita di un particolare filtro antipolvere. Questo permette per l'appunto di filtrare l'aria aspirata dall'esterno, in modo da renderla più salubre.
  • Funzione oscillante: una funzione utilissima che presentano in particolar modo i raffrescatori evaporativi portatili a colonna. Oscillando questi garantiscono un migliore ricircolo d'aria, rinfrescando in maniera omogenea l'intero ambiente circostante.
  • Memorizzazione delle impostazioni: chiamata anche funzione memory, permette di memorizzare i parametri impostati e di riavviare automaticamente il raffrescatore, con le stesse impostazioni, nel caso in cui mancasse la corrente.
  • Funzioni smart: i raffrescatori evaporativi in commercio non presentano funzioni smart come connettività wi-fi o Bluetooth. Tuttavia è possibile, ad esempio, utilizzare delle prese wi-fi, in modo tale da poterli controllare da remoto, tramite smartphone o altoparlanti intelligenti.

Rumorosità

La rumorosità è un fattore che può incidere tantissimo sulla scelta di un raffrescatore evaporativo ad acqua, soprattutto se questo sarà utilizzato durante le ore notturne. In genere, rispetto ad altri dispositivi, i raffrescatori d'aria risultano molto più silenziosi, permettendo di utilizzarli anche in camera da letto. Tuttavia questo è un valore variabile, che può dipendere molto anche dalla potenza dell'apparecchio. Di norma raffrescatori più potenti, risultano anche più rumorosi.

A tal proposito, la presenza della modalità "Sleep" o "Notte", può rappresentare un plus importante, in quanto riduce rotazione e rumorosità, garantendo sonni tranquilli.

Consumi

Quando si sceglie un raffrescatore evaporativo è importante valutare ai consumi elettrici. Questi elettrodomestici, a differenza dei condizionatori, garantiscono dei consumi molto ridotti che si avvicinano molto di più a quelli di un semplice ventilatore.

Il consumo deriva esclusivamente dal motore elettrico che ha il compito di attivare la ventola per aspirare l'aria calda all'interno del dispositivo e spingere quella fredda all'esterno, rinfrescando l'ambiente. Proprio per questo motivo si parla di consumi davvero irrisori che non incidono particolarmente sul costo in bolletta. Naturalmente su questo parametro influisce anche la classe di efficienza energetica del raffrescatore. Dalla A in su, comunque, i consumi sono davvero minimi.

Design

Anche l'occhio vuole la sua parte, e quando si sceglie un raffrescatore evaporativo, è bene prestare attenzione anche al design che presenta. I modelli più diffusi, e popolari, sono quelli con design a colonna, o a torre, i quali presentano una forma allungata. Spesso si tratta di modelli decisamente moderni che si adattano facilmente a qualsiasi stile abitativo e arredamento.

In alternativa esistono anche modelli più spartani ma che risultano comunque molto funzionali. Fortunatamente la scelta è davvero ampia, grazie ai numerosi modelli disponibili, tutti diversi tra loro, ed è quindi abbastanza semplice trovare quello che soddisfa di più i propri gusti.

Marca

La marca è un fattore importante nella scelta di un raffrescatore ad acqua in quanto influisce sulle prestazioni, sulle funzioni e sul prezzo del modello. Tra i migliori marchi segnaliamo Argo e Bimar che da anni realizzano modelli differenti, adatti a tutte le tasche e le esigenze.

Altre marche interessanti sono senza dubbio KLARSTEIN, Ardes e Olimpia.

Prezzo

Il costo di un raffrescatore evaporativo ad acqua è variabile, e dipende dai fattori visti fino ad ora come prestazioni, capacità e funzioni. In linea di massima comunque sono prodotti che hanno un prezzo molto inferiore rispetto a condizionatori e climatizzatori, e risultano quindi molto più accessibili. In media un modello economico può costare anche meno di €50 e offrire comunque delle buone caratteristiche tecniche.

I modelli più professionali e avanzati, invece, possono superare anche i €200, offrendo però numerose funzioni e possibilità aggiuntive.

Come utilizzare un raffrescatore evaporativo

Per contrastare il caldo e sfruttare al massimo tutte le potenzialità del proprio raffrescatore evaporativo, è fondamentale comprenderne il funzionamento. Questi dispositivi presentano un funzionamento davvero semplice, caratterizzato da pochi passaggi intuitivi.

Vediamo nel dettaglio quali sono questi passaggi e come utilizzare un raffrescatore evaporativo domestico al meglio.

Riempire la tanica

Come detto i raffrescatori evaporativi sono muniti di un'apposita tanica, che può presentare una capienza differente a seconda del modello. La prima cosa da fare è proprio riempire la tanica con dell'acqua, in modo tale da fornire al dispositivo la materia prima per poter funzionare al meglio.

L'acqua deve naturalmente essere fredda e, se il modello lo consente, è possibile utilizzare anche il ghiaccio, in modo da migliorare sensibilmente l'effetto refrigerante. La tanica poi va rabboccata ogni volta che l'acqua sta terminando, in modo da averla sempre a disposizione.

Collegare e posizionare il raffrescatore

Riempita la tanica dell'acqua è necessario collegare il dispositivo alla corrente elettrica. Per agevolarne il posizionamento è possibile utilizzare anche una prolunga, in modo tale da avere una maggiore libertà e non dover essere limitati alla zona immediatamente prossima alla presa elettrica.

L'elettrodomestico, poi, va posizionato in modo tale che il flusso d'aria fresca possa giungere indisturbato e sortire l'effetto desiderato.

Settare il dispositivo

Quando il dispositivo è posizionato e alimentato elettricamente, bisogna settarne la potenza. In genere i raffrescatori presentano come minimo due o tre livelli di potenza, da scegliere anche in base al caldo e al momento della giornata.

Molti modelli presentano anche più modalità come quella "Normale", "Natural" e "Sleep", o il timer, per poterne impostare automaticamente accensione e spegnimento. Importante inoltre ricordare che, quando si utilizza un raffrescatore, bisogna tenere le finestre aperte, in modo da favorire il più possibile il ricircolo d'aria.

Effettuare manutenzione periodica

Affinché il funzionamento del proprio raffrescatore sia sempre ottimale, è fondamentale sottoporlo a una manutenzione periodica. In genere questa consiste nella semplice pulizia del filtro e, nel caso in cui questo fosse deteriorato, nella sua sostituzione.

Pur trattandosi di una manutenzione molto semplice e rapida, è buona norma eseguirla con una certa costanza, in modo tale da evitare guasti e godersi tutto l'effetto refrigerante del proprio dispositivo.