Sarebbe la fine di un'era, eppure sembra che il futuro vero il quale ci stiamo avvicinando sia proprio quello. Un mondo senza iPod, eliminati dalla stessa azienda che li ha creati rivoluzionando il settore musicale. Apple ha già attuato il primo importante taglio: da oggi non venderà più le versioni Nano e Shuffle del suo leggendario lettore MP3. È il primo passo verso l'inevitabile decisione di lasciarsi alle spalle la linea degli iPod, ormai sostituiti dall'iPhone e dalle sue funzionalità multimediali: ad oggi l'unico iPod a resistere è la versione Touch, cioè quella più simile ad un telefono della mela. La leggendaria "ruota" dei comandi, però, è ufficialmente morta.

"Oggi semplifichiamo la nostra lineup di iPod con due modelli di Touch dalla capienza raddoppiata e un prezzo di partenza di 199 dollari. Abbiamo inoltre eliminato gli iPod Shuffle e iPod Nano" spiega l'azienda di Cupertino in una nota. L'iPod Touch è ora disponibile nelle varianti da 32 e 128 GB, con quest'ultima caratterizzata da un prezzo di 299 dollari. Se pensavate di affidarvi alle soluzioni più piccole (ed economiche) della mela per ascoltare musica, però, la brutta notizia è che non saranno più disponibili: probabilmente qualche negozio fisico avrà ancora le ultime scorte, ma una volta finite bisognerà affidarsi all'usato.

D'altronde non si può dire che la notizia non si potesse prevedere: l'ultimo aggiornamento dell'iPod Nano risale al 2012, quando l'azienda di Cupertino ha introdotto il supporto per cuffie e altoparlanti senza fili. L'unico ulteriore aggiornamento è stato un rinnovamento dei colori nel 2015. L'iPod Shuffle non viene invece aggiornato dal 2010, se non per aggiungere qualche colorazione in più. Resta comunque un punto di svolta fondamentale per la storia del lettore musicale di Apple: ora che resta un solo modello di iPod disponibile, quanto impiegherà l'azienda per eliminare anche questo?