In attesa di scoprire tutti i dettagli che caratterizzeranno il nuovo iPhone 8, dalla redazione di Bloomberg giungono nuove indiscrezioni sul prossimo smartphone del colosso di Cupertino. Come riportato dai giornalisti della nota testata, infatti, il nuovo Apple Watch 3 monterà un modulo LTE che gli consentirà di essere completamente indipendente rispetto agli attuali wearable device Apple che richiedono il collegamento con un iPhone.

Dalle prime informazioni riportate sembrerebbe che il chip in questione sarà realizzato da Intel e non ospiterà le tradizionale SIM di plastica ma le più recenti eSIM. Come spiegato dalla fonte Apple Watch 3 rappresenterà un grande passo in avanti per il dispositivo, offrendo a tutti gli utenti la possibilità di scaricare brani musicali e avviare le app senza la necessità di avere uno smartphone collegato, esattamente come avviene già da tempo su alcuni modelli di orologi smart con sistema operativo Android Wear 2.0. Per quanto riguarda il produttore che si occuperà di realizzare il modulo integrato nel prossimo Apple Watch sembra che l'azienda di Cupertino abbia scelto Intel al posto di Qualcomm poiché tra le due vie da tempo una battaglia legale legata ad alcuni brevetti, motivo per il quale per questo dispositivo il colosso capitanato da Tim Cook avrebbe deciso di far realizzare i moduli LTE alla compagnia di Santa Clara.

L'idea di introdurre la connettività LTE all'interno dello smartwatch Apple era trapelata già in occasione dell'uscita delle seconda versione del device ma in quell'occasione i tecnici avevano optato per rimandare il modello con LTE per via dell'eccessivo consumo. Ora sembra che gli ingegneri Apple siano riusciti a trovare una soluzione in grado di ridurre l’impatto del chip LTE sulla durata della batteria e sono quindi pronti a rendere lo smartwatch completamente indipendente. Ricordiamo che l'uscita dell'Apple Watch Series 3 è attesa per la fine dell'anno.