A pochi minuti dall'attentato di Stoccolma che ha visto un camion scagliarsi contro la folla è stato attivato il Safety Check di Facebook. Dalle prime informazioni acquisite il furgone sarebbe finito contro un negozio di un centro commerciale a Drottninggatan. Subito dopo l'attentato l'area è stata isolata e sul posto sono giunte le forze di polizia ed i mezzi di soccorso.

Prima dell'attentato a Stoccolma il Safety Check di Facebook è stato attivato per l'attentato a San Pietroburgo dello scorso 3 aprile. La piattaforma di proprietà di Mark Zuckerberg già da tempo offre a tutti gli utenti iscritti al social network la possibilità di far sapere ai propri contatti di stare bene in seguito ad un attentato o a disastri naturali come terremoti e tsunami.

Nei mesi scorsi lo strumento di Facebook è stato attivato anche per gli attentati al Bataclan, a Nizza, a Berlino e per tutti gli altri casi di esplosioni e attacchi terroristici. Grazie a questa funzione messo a disposizione dal colosso di Menlo Park tutti gli utenti che si trovavano a Stoccolma hanno avuto la possibilità di far sapere ai propri contatti di stare bene.