Per chi non ha seguito la conferenza di annuncio la risposta non è così scontata come potrebbe sembrare. D'altronde da mesi uno dei papabili nomi del nuovo smartphone della mela era proprio iPhone X, che però tutti pronunciavamo come se quella lettera fosse, appunto, una lettera. iPhone "ics" è così diventato uno dei nomi più utilizzati per indicare quello che in breve tempo è diventato uno dei telefoni più attesi dell'anno. Invece quando Tim Cook ha annunciato l'ormai storica "One More Thing" svelando il nuovo iPhone, lo ha fatto utilizzando un'altra pronuncia.

iPhone "Ten", come dieci in inglese. Così si chiama (e si pronuncia) il nuovo iPhone della mela, che accompagnerà gli iPhone 8 e 8 Plus nel corso della stagione invernale. Un elemento curioso che ha stupito la maggior parte degli spettatori, ormai sicura di sentire la "ics" che per mesi ha accompagnato il nome del dispositivo. Anche perché gli iPhone hanno sempre utilizzato i numeri classici nei loro nomi e non i numeri romani – l'unica eccezione è costituita dal sistema operativo dei Mac, MacOS – quindi era lecito attendersi un numero associato al "ten". E invece no.

La scelta, in realtà, ha un senso. Da un lato l'iPhone X è quello che dovrebbe celebrare i 10 anni dal lancio del primo iPhone (da qui la scelta di utilizzare il numero 10), dall'altro Apple deve evitare che gli altri due modelli presentati, gli 8 e 8 Plus, sembrino automaticamente "vecchi" agli occhi dei consumatori. Anche per questo l'azienda di Cupertino è stata vaga sul nome: durante la conferenza lo ha chiamato iPhone "ten", ma sui materiali promozionali è indicata solo la X. È facile immaginare che in molti lo continueranno a chiamare "ics" e questo, probabilmente, fa parte della strategia della mela: in questo modo il dispositivo continuerà a differenziarsi dai modelli "regolari", come infatti dovrebbe essere.