L'Eurostat ha da poche ore pubblicato i dati aggiornati sull'accesso alla Rete e sull'utilizzo di internet da parte degli utenti residenti nell'Unione Europea. Stando ai dati rilasciati, il 79% degli utenti europei utilizza come strumento principale per accedere ad Internet lo smartphone che batte laptop e notebook che si fermano al 64%, i computer desktop al 54% mentre i tablet al 44%.

Analizzando nel dettaglio le statistiche degli ultimi tre mesi è stato evidenziato che la maggior parte degli utenti europei ha visitato siti web o controllato la posta elettronica via telefono. Lo smartphone viene utilizzato dal 94% della fascia di utenti europei di età compresa tra i 16 e i 24 anni e dal 83% di utenti di fascia d'età 25-54 anni. Tra le popolazioni più attive con lo smartphone gli spagnoli (93%), ciprioti e olandesi (88%) e croati (87%). All'estremità opposta, la percentuale più bassa è stata registrata in Repubblica Ceca (55%), Polonia (60%), Lettonia (62%), Lituania (63%) e Grecia (66%).

La popolazione italiana risulta ultima in Europa per accesso ad Internet da computer portatile e sotto la media europea per l'accesso alla Rete tramite PC desktop. Studiando nel dettaglio i dati sull'utilizzo di Internet da parte degli utenti europei l'istituto di statistica europeo ha evidenziato che nell'ultimo anno il 46% degli utenti ha rifiutato il permesso di utilizzare i dati personali a fini pubblicitari, il 40% ha limitato l'accesso ai profili social, il 37% ha letto le dichiarazioni sulla privacy ed il 31% ha limitato l'accesso alla geolocalizzazione.