In molti sanno che, nel vasto e misterioso mondo che è il web, esiste una "regola 34" che recita più o meno così: "Se qualcosa esiste, c'è un corrispettivo porno". L'idea che ogni elemento, anche innocuo, del nostro mondo sia caratterizzato da una parodia porno è in effetti abbastanza plausibile: basta farsi un giro all'interno dei portali più conosciuti per trovare innumerevoli filmati ispirati a film, videogiochi, personaggi ed elementi apparentemente "casti" riproposti in forma decisamente meno pudica. Era improbabile, quindi, che un'uscita importante come quella di Final Fantasy XV riuscisse a scampare a queste regola. E infatti, puntualissima, ecco la parodia pornografica dell'ultimo lavoro di Square Enix: Full Service Station.

È passato meno di un mese dall'uscita del quindicesimo capitolo della saga, ma sul web è già apparsa una parodia porno prodotta da Brazzers, uno degli studi più importanti e conosciuti nel settore dei contenuti per adulti. La protagonista? La bella meccanica Cindy, che fin dai primi trailer e demo del gioco appariva al fianco dei quattro protagonisti del gioco. D'altronde c'era da aspettarselo: anche nel videogioco il personaggio è caratterizzato da abiti succinti e da un seno esagerato e in bella vista. Insomma, il personaggio perfetto per essere ripreso in una parodia pornografica.

Nel filmato di Brazzers Cindy è interpretata dalla pornostar Nikki Benz, impegnata ad aggiustare la macchina di Sean Lawless prima che l'inevitabile svolta porno prenda il sopravvento. C'è persino la comparata di un mostro, ma il focus è decisamente un altro. Non è la prima volta che i videogiochi finiscono al centro di un contenuto porno e di certo non sarà l'ultima, soprattutto quando si parla di serie di successo come quella di Final Fantasy XV. La regola 34, d'altronde, non risparmia proprio nessuno.