Il team di Google ha da poche ore annunciato la chiusura del progetto Firefly, le piccole automobili a guida elettrica sviluppate dalla Waymo, una delle controllate di Alphabet. Come riportato su Medium dai responsabili del progetto, il colosso di Mountain View ha deciso di bloccare lo sviluppo di questi veicoli a due posti per concentrare l'attenzione sui veicoli su cui è prevista una produzione di massa.

Le auto Firefly di Google, infatti, sono state realizzate soprattutto per testare nuove soluzioni in grado di rendere più precisi e reattivi i sistemi di bordo per poi utilizzare le tecnologie su altri veicoli: "Concentrandoci sui veicoli per i quali c’è già una produzione di massa, come i minivan Pacifica, saremo in grado di offrire le tecnologie per le auto che si guidano da sole a più persone e nella loro interezza". Tutti gli studi fatti dai progettisti a bordo delle Firefly sono stati di grande aiuto per migliorare le tecnologie all'interno di veicoli come i minivan Chrysler Pacifica.

Come sottolineato dai responsabili di Waymo, infatti, le Firefly non sono mai state pensate per la vendita salvo l'utilizzo in alcuni contesti urbani poiché presentano numerose limitazioni tra cui le dimensioni troppo ridotte e la velocità massima di 40 chilometri orari. Grazie alla collaborazione tra Google e Waymo è stato possibile approfondire lo studio della "cupola" installata sul tettuccio delle automobili, utile per consentire al veicoli di muoversi in strada tramite l'utilizzo di videocamere, sensori ed il sistema LiDAR grazie al quale è possibile monitorare l’automobile nelle vicinanze e la presenza di segnaletica stradale. Tutto il know-how di Waymo sarà ora utilizzato a bordo dei minivan Pacifica.