Uno dei problemi che accomuna i possessori di smartphone in tutto il mondo è senza dubbio quello relativo alla durata della batteria che tende a scaricarsi troppo velocemente, portando gli utenti a dover caricare i dispositivi anche più volte nel corso della giornata. Di recente i giornalisti del quotidiano Independent hanno pubblicato un articolo in cui evidenziano che in futuro gli smartphone potrebbero venir ricaricati solo quattro volte all'anno.

I risultati di questo studio sono stati riportati dettagliatamente all'interno della rivista scientifica Nature e rappresentano una grande rivoluzione non solo per i consumatori che non avranno più lo stress legato alla batteria del telefono da ricaricare ma anche un'ottima scoperta per limitare il consumo dell'energia globale. Stando alle informazioni rilasciate dallo studio, svolto in collaborazione da diversi centri di ricerca ed atenei statunitensi, presto sarà possibile realizzare un nuovo tipo di processore che sfruttando una pellicola polarizzata composta da sottili strati di atomi sarà in grado di ‘assorbire' energia fino a cento volte in meno rispetto a quelli attuali: "I processori attualmente utilizzati sugli smartphone montano un sistema che richiede un costante flusso di energia, portando i dispositivi mobile a consumare il cinque per cento dell'energia globale".

Come dichiarato dal direttore del settore energia al Lawrence Berkeley National Laboratory Ramamoorthy Ramesh: "Entro il 2030, i dispositivi che usiamo quotidianamente potrebbero consumare il 40 o addirittura il 50 per cento dell'energia globale che abbiamo a disposizione. Abbiamo la necessità di trovare un'alternativa il prima possibile". Tuttavia gli esperti evidenziano che passare dalla teoria alla pratica non sarà facilissimo e richiederà ancora qualche anno di studi prima di poter godere di questi nuovi smartphone che potranno essere ricaricati solo quattro volte all'anno.