L'arrivo del digitale ha ucciso il romanticismo? Forse no, ma alcuni elementi fanno di tutto per farcelo credere. L'ultimo ad arrivare sul mercato si chiama Kissenger ed è un'applicazione – accompagnata da un dispositivo esterno – che consente a due persone di baciarsi dalla distanza. Come? Semplice, il device nel quale si può incastrare lo smartphone è caratterizzato da una superficie morbida sulla quale appoggiare le labbra che cerca di imitare il contatto con la bocca del partner. Il tutto avviene come una sorta di videochiamata "tattile" che sfrutta un'applicazione presente sullo smartphone.

Il nome indica proprio questo: è la fusione tra le parole "kiss" e "messenger".  Il dispositivo è stato presentato durante la conferenza "Love & Sex with Robots" di Londra, una manifestazione incentrata proprio sulla presentazione di soluzioni che possano portare i rapporti a distanza e l'erotismo in generale su nuovi livelli. Certo, di fatto ci si trova davanti ad una superficie in silicone che cerca di riprodurre uno dei contatti più intimi tra due persone, peraltro, pare, non riuscendoci esattamente bene. Il concetto, però, è interessante se si considera l'inevitabile evoluzione dei rapporti nell'epoca digitale.

Per questo il team responsabile di Kissenger non accenna a fermarsi: il prossimo passo è quello di passare dalle semplici labbra ad un robot completo che possa interagire a distanza con il partner. Anche per scoprire, tramite i dati raccolti, se effettivamente con i robot le persone possono provare emozioni paragonabili a quelle scatenate da un rapporto tra umani. Se poi questo sia eticamente accettabile, spiegano i responsabili, è un discorso che non intendono affrontare. Per inviare baci a distanza, però, dovrete attendere ancora un po': Kissenger non è ancora disponibile sul mercato.