Facebook ha da pochi minuti attivato il Safety Check per consentire agli utenti di informare amici e parenti della propria incolumità in seguito al terremoto di magnitudo 8.4 sulla scala Richter che è stato registrato nella mattinata di oggi in Messico. La funzione del social network di Mark Zuckerberg viene attivata in seguito a terremoti, tsunami, maremoti, trombe d'aria ma anche attentati e rappresenta un ottimo strumento per far sapere ai propri contatti di stare bene.

A partire dagli attentati che hanno coinvolto Parigi lo scorso anno, il Safety Check viene attivato anche in caso di una situazione di pericolo al di fuori della sfera delle calamità naturali. Lo strumento, infatti, è nato in occasione del terremoto e tsunami che ha colpito Tohoku nel 2011 ed è stato poi riproposto in numerose occasioni. Secondo i primi rilievi effettuati dai sismografi del Geological Survey degli Stati Uniti, il terremoto in Messico di oggi, 8 settembre, sarebbe di magnitudo 8.1 ed è stato registrato alle 22:49 di giovedì ora locale, le 6:49 di venerdì in Italia nelle immediate vicinanze della costa dello Stato del Chiapas, in Messico, al confine col Guatemala, a circa 87 chilometri a sud ovest della cittadina di Pijijiapan.

A fine agosto Facebook ha deciso di rendere permanente il Safety Check, permettendo agli utenti un accesso immediato ma anche un continuo monitoraggio su quelle che sono le zone di crisi nel mondo. La funzionalità è disponibile tra i preferiti di Facebook, consentendo agli utenti di controllare l'esistenza di situazioni di crisi, ottenere informazioni ed eventualmente portare aiuto.