Il social network cinese Weibo ha superato Twitter. È questo il dato che emerge dai risultati delle ultime trimestrali delle due aziende: nei primi tre mesi dell'anno la piattaforma cinese ha raggiunto i 340 milioni di utenti attivi mentre il social network da 140 caratteri si è fermato a quota 328 milioni di utenti. A vantaggio di Weibo anche un aumento degli utili del 58%, a quota 14,5 miliardi di yuan (pari 2,1 miliardi di dollari) e la crescita di accessi quotidiani, pari a circa 154 milioni, di cui oltre il 90% via dispositivi mobile.

Come spiegato da Charles Chaom direttore esecutivo di Sina, gruppo che gestisce Weibo: "Oltre a essere un network di informazioni in tempo reale, Weibo ha anche le caratteristiche dei sistemi di social networking. Il nostro obiettivo è quello di connettere persone e contenuti attraverso un forte ecosistema che può attrarre più persone da diversi retroterra culturali". Strategia che sembra dare ragione alla piattaforma cinese che rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso è cresciuta del 30% per quanto riguarda il numero di utenti mensili.

Dopo alcuni anni di crisi legati alla stretta delle leggi anti-rumor del 2013 che ha vietato la possibilità di diffondere in Rete informazioni non verificate, causando un calo dell'utilizzo pari ad oltre 56 milioni di utenti in favore di WeChat, l'app di messaggistica fondata dal gruppo TenCent, ora Weibo è tornata a crescere e punta a sfidare i big del settore. Il social network Weibo, seppur poco noto in Italia, rappresenta una delle piattaforme più utilizzate in Cina in grado di offrire agli utenti il meglio delle funzionalità di Twitter, Instagram e YouTube all'interno di un unico grande portale.