WhatsApp, con oltre un miliardo di utenti attivi al mese, è senza ombra di dubbio l'applicazione di messaggistica più utilizzata dagli utenti su smartphone Android e iOS. L'utilizzo di questa app per scambiarsi messaggi, foto e video con i propri contatti è in continua espansione tanto che nella giornata di Capodanno la piattaforma di instant messaging di proprietà di Mark Zuckerberg ha segnato un nuovo record. Come riportato dalla testata VentureBeat, infatti, WhatsApp ha registrato un nuovo traguardo con più di 63 miliardi di messaggi inviati.

In occasione della fine dell'anno, per festeggiare l'arrivo del 2017 molte persone in tutto il mondo hanno utilizzato l'applicazione di messaggistica WhatsApp per scambiarsi gli auguri facendo registrare alla compagnia di Menlo Park un risultato senza precedenti. Come riportato dai responsabili di Facebook ai giornalisti di VentureBeat, la notte di Capodanno sono stati inviati ben 63 miliardi di messaggi tramite WhatsApp di cui 7,9 miliardi di immagini e 2,4 miliardi di video. Confrontando i dati della sera di Capodanno con una "classica" giornata dell'applicazione di messaggistica si capisce ancora più facilmente il gran numero di messaggi inviati in poche ore.

Normalmente, infatti, unendo i numeri generati ogni giorno da WhatsApp e Facebook Messenger si raggiungono circa 60 miliardi di messaggi (dati aggiornati ad aprile 2015) mentre su Telegram ogni 24 ore vengono inviati circa 15 miliardi di messaggi (dati aggiornati a febbraio 2016). Il nuovo record di WhatsApp Messenger evidenzia dunque la costante crescita di utilizzo del servizio da parte degli utenti, sempre più propensi ad utilizzare soluzioni come WhatsApp rispetto ai tradizionali SMS. Ad evidenziare questa situazione anche i recente i dati dell'Osservatorio sulle Comunicazioni 2016 dove si evidenzia che WhatsApp sta cannibalizzando l'uso degli SMS per comunicare: il numero di messaggi inviati dal telefono cellulare si è ridotto del 27,7% rispetto allo stesso periodo del 2015 e di oltre il 75% rispetto al 2012.