Un gruppo di hacker ha esposto i dettagli di circa 380.000 utenti del noto portale pornografico xHamster, pubblicando un database composto da centinaia di migliaia di nomi e indirizzi email relativi ai visitatori del sito web. Se le informazioni dovessero rivelarsi corrette, l'attacco hacker potrebbe esporre le identità di uomini e donne iscritti al portale e le loro preferenze pornografiche, portando a potenziali ricatti che potrebbero colpire anche personalità in vista: secondo Motherboard, alcune decine di account appartengono a militari americani e agenti governativi di Stati Uniti, Regno Unito e altri paesi.

I vertici di xHamster hanno negato il fatto che le informazioni private degli utenti siano state messe a rischio dall'attacco. "Non possiamo confermare che le email pubblicate siano vere e non pensiamo che quello rilasciato sia un database reale" ha spiegato l'azienda. "Le password di tutti gli utenti sono criptate, quindi è praticamente impossibile hackerarle. Tutte le password sono al sicuro, insieme ai dati degli utenti". Secondo Motherboard, però, questa dichiarazione non sarebbe reale: se utilizzati per creare nuovi account sul sito, gli indirizzi email vengono rifiutati perché "già utilizzati per un account".

L'attacco avrebbe sfruttato una vulnerabilità del sito web per ottenere il database e sarebbe riuscito a superare proprio il sistema di sicurezza che protegge le password di xHamster. Che, come spiegano gli esperti di sicurezza, non sarebbe poi così sicuro. "Il fatto che l'azienda pensi di avere un sistema sicuro è l'esempio della scarsa sicurezza che le aziende mettono in atto ultimamente" ha spiegato un portavoce di LeakBase, azienda specializzata in sicurezza informatica. Se siete utenti del portale, quindi, vi conviene modificare i dati di accesso per evitare intrusioni indesiderate.