Ritorna la truffa del finto hacker che si sarebbe intrufolato nel PC dell'ignara vittima e che l'avrebbe osservata per alcuni mesi in seguito ad un malware installato durante la visita ad un sito pornografico. La mail è molto simile a quella che ha iniziato a circolare qualche mese fa e gioca sulla paura di essere finiti nel mirino di un hacker che per gli ultimi mesi ha registrato i nostri movimenti attraverso la webcam del computer, anche quelli più piccanti. "Come avrai notato, ti ho inviato un'email dal tuo account. Ciò significa che ho pieno accesso al tuo account" si legge nella mail, che in effetti sembra arrivare dal nostro indirizzo di posta. "Ti sto guardando da alcuni mesi".

In realtà il mittente è stato “inserito” artificiosamente nel messaggio così da sembrare l'indirizzo della vittima, ma in realtà la comunicazione arriva da una mail esterna. Il messaggio però potrebbe spaventare molte persone: "Il fatto è che sei stato infettato da malware attraverso un sito per adulti che hai visitato. Ciò significa che posso vedere tutto sullo schermo, accendere la videocamera e il microfono, ma non ne sai nulla". Una spiegazione scritta in un italiano non proprio corretto, che nella parte finale risulta particolarmente difficile da comprendere: "Ho fatto un video che mostra come ti accontenti nella metà sinistra dello schermo, e nella metà destra vedi il video che hai guardato". Il riferimento è probabilmente ad una supposta registrazione di una visita ad un sito porno con tanto di registrazione della webcam.

La richiesta del finto hacker è un semplice riscatto: 272 euro per non far pubblicare il video, da mandare ad un portafoglio Bitcoin. "Dopo aver ricevuto il pagamento, eliminerò il video e non mi sentirai mai più. Ti do 48 ore per pagare". Ovviamente si tratta solamente di un tentativo di truffa inviato da un malintenzionato che non è in possesso di un nostro video. Ad un primo impatto, però, qualcuno potrebbe anche pensare di essere finito nei guai: non preoccupatevi, non pagate ed eliminate la mail.