Aveva destato grande clamore la decisione dello scorso venerdì di Donald Trump di voler vietare la nota app TikTok negli Stati Uniti d'America. E in risposta a tale notizia, oggi la cinese ByteDance, società proprietaria di TikTok, avrebbe comunicato di voler cedere tutte le quote possedute nella popolare app di video, secondo quanto riporta Reuters. La scelta dell'azienda di Pechino è stata mossa nel tentativo di recuperare un accordo con la Casa Bianca visto che i funzionari statunitensi avevano accusato TikTok di essere uno strumento pericoloso perché in possesso di troppe informazioni sui propri utenti e dunque potenzialmente in grado di diventare un arma nelle mani di Pechino per spiare gli americani.

La cinese ByteDance avrebbe deciso di cedere completamente le operazioni statunitensi di TikTok. La decisione è stata presa dopo che Donald Trump aveva dichiarato lo scorso venerdì di voler vietare la popolare app per cortometraggi negli Stati Uniti d'America. Questa notizia era stata presa in seguito alle affermazioni dei funzionari statunitensi che considerano TikTok un rischio nazionale a causa dei dati personali che gestisce. La concessione di ByteDance verificherà se la minaccia di Trump di vietare TikTok è una tattica di negoziazione o se il Presidente è intenzionato a reprimere un'app di social media che ha fino a 80 milioni di utenti attivi ogni giorno negli Stati Uniti. Trump aveva infatti comunicato ai giornalisti sull'Air Force One di voler vietare già da oggi TikTok.

ByteDance ha preso in considerazione varie soluzioni per perdere il suo controllo su TikTok negli USA: la proposta della società cinese è di affidare a Microsoft il controllo dei dati degli utenti negli Stati Uniti d'America. Il piano potrebbe prevedere che un'altra società, diversa da Microsoft, acquisisca effettivamente TikTok negli USA. Secondo quanto riporta Reuters ByteDance avrebbe avuto già alcune proposte per cedere la proprietà di TikTok per l'ammontare di 50 milioni di dollari, ma per i dirigenti della società la app di brevi video varrebbe di più. La Casa Bianca al momento ha rifiutato di commentare la reazione di Trump difronte alla concessione della cinese ByteDance e Microsoft non ha rilasciato ancore nessuna dichiarazione.