28 Gennaio 2015
16:54

Yahoo! annuncia lo spin-off da Alibaba, la Mayer si gioca le sue carte

Yahoo!, in occasione della presentazione dei risultati finanziari relativi al quarto trimestre del 2014, ha annunciato il via all’operazione di spin-off da Alibaba. L’operazione, esentasse, vale 40 miliardi di dollari con i quali viene creata una nuova società, la SpinCo. Marissa Mayer, CEO di Yahoo!, a questo punto gioca le sue carte.
A cura di Francesco Russo

La notizia del rilascio dei risultati finanziari di Yahoo! passa in secondo piano, superata dall'altra notizia diffusa nella stessa occasione. E cioè che Yahoo! ha annunciato il suo piano di spin-off della sua quota investita in Alibaba, il colosso e-commerce cinese da poco sbarcato a Wall Street, con l'obiettivo di creare una nuova società che adesso porterebbe il nome di "SpinCo". La nuova società avrà come capitale quindi l'equivalente di 384 milioni di azioni che Yahoo! ha posseduto fino ad oggi in Alibaba (15%) che in totale significa 40 miliardi di dollari.

Marissa Mayer, CEO di Yahoo!, si gioca dunque l'unica carta possibile con un'operazione che sarà esentasse, proprio per fare in modo che il capitale degli investitori sia valorizzato al massimo, i quali da un po' di tempo chiedevano a gran voce maggiori ritorni. La notizia, molto attesa dagli esperti, ha avuto un effetto positivo sul titolo in borsa che è schizzato a +10% nell'"after hours" dopo aver chiuso la seduta con un calo del 3%. Il completamento dell'operazione di spin-off è previsto nel quarto trimestre del 2015 (Q4 2015).

Marissa-Mayer-CEO-Yahoo
Marissa Mayer, CEO Yahoo!

Abbiamo lavorato senza sosta su un'alternativa fiscale efficiente che massimizzare il valore del nostro investimento in Alibaba" – ha spiegato Marissa Mayer – "e uno spin-off esentasse realizza questo obiettivo e offre valore direttamente ed esclusivamente per i nostri azionisti".

Yahoo! continuerà a mantenere la sua quota in Yahoo! Japan del 35,5%.

L'operazione potrà consentire a Yahoo! di concentrarsi su quello che è il vero core business dell'azienda di Sunnyvale, ossia il mercato dell'advertising che continua a calare. Proprio ieri Yahoo! ha presentato i dati finanziari relativi al quarto trimestre del 2014, il Q4 2014, dal quale viene fuori che le commissioni pagate ai partners del search sono calate del 2% con un fatturato di 1,18 miliardi di dollari, un dato che si è verificato essere al di sotto delle previsioni degli analisti e che manifesta una piccola inversione di tendenza rispetto ai dati dell'ultimo trimestre, il Q3 2014. Sono mancati gli introiti provenienti dal display advertising in calo ormai da otto trimestri su nove.

Dal lato Mobile arriva per Yahoo! qualche notizia positiva, infatti nel quarto trimestre del 2014 il fatturato del 23% arrivando ad essere di 254 milioni di dollari. In questo modo il Mobile pesa il 20% delle entrate. L'azienda guidata dalla Mayer ha chiuso l'intero esercizio con un dote in cassa di 10 miliardi di dollari, dote che è cresciuta notevolmente dalla seconda metà del 2014 in poi grazie alla massiccia IPO di Alibaba. Una dote che adesso viene ad essere contesa tra la stessa Mayer, che punta a fare altre acquisizioni di altro profilo, e gli investitori che mirano ad incassare di più.

Si preannuncia quindi un bel braccio di ferro all'interno dell'azienda e l'operazione spin-off dovrebbe essere un motivo di cessazione della contesa interna per poter ripartire con obiettivi condivisi. Ma tutto si gioca, per il CEO Marissa Mayer, nei prossimi mesi, sperando che l'operazione possa essere ancora più fruttuosa. Altrimenti c'è già chi pensa al dopo Mayer.

Yahoo, Marissa Mayer non assume l'attrice Gwyneth Paltrow: curriculum inadeguato
Yahoo, Marissa Mayer non assume l'attrice Gwyneth Paltrow: curriculum inadeguato
Marissa Mayer, così la giovane CEO ha affondato Yahoo
Marissa Mayer, così la giovane CEO ha affondato Yahoo
Yahoo annuncia la chiusura del servizio di mappe e altre applicazioni
Yahoo annuncia la chiusura del servizio di mappe e altre applicazioni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni