L'Unione Europea installerà migliaia di hotspot WiFi gratuiti in tutti i paesi membri nel corso dei prossimi anni. Il piano per fornire una connessione gratuita ai cittadini e turisti fa parte di un progetto chiamato WiFi4EU approvato lo scorso lunedì dal Parlamento Europeo. Il numero di hotspot WiFi installati dovrebbe oscillare tra i 6.000 e gli 8.000 e la loro attivazione dovrebbe avvenire entro il 2020. "L'obiettivo è quello di avere WiFi gratuito in ogni città europea nei luoghi centrali della vita pubblica" ha spiegato Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Europea.

Le aree interessate dal progetto saranno quelle legate alle piazze principali, parchi, ospedali e altri luoghi pubblici. L'investimento per l'installazione degli hotspot gratuiti sarà pari a 120 milioni di euro, una cifra che servirà a pagare l'equipaggiamento necessario per installare e avviare i punti d'accesso, mentre i costi di gestione della connessione graveranno sulle casse municipali. I singoli comuni potranno richiedere parte del fondo per installare la connessione WiFi nei luoghi pubblici non ancora coperti da servizi simili.

WiFi4EU fa parte della più ampia iniziativa denominata Digital Single Market, il cui obiettivo è quello di potenziare e semplificare la tecnologia e le relative regolamentazioni in tutto il continente. Il responsabile di questo progetto, Andrus Ansip, ha spiegato che l'installazione del WiFi "rappresenta un buon primo passo, ma c'è ancora molto da fare per ottenere la connettività ad alta velocità in tutto il territorio dell'Unione Europea". Sempre come parte di questa iniziativa si è raggiunto un accordo sulla fine dei costi di roaming maggiorati nell'UE, che a partire dal 15 giugno non dovranno più essere pagati dagli utenti per poter usufruire di chiamate, messaggi e dati.