GoPro ha da poche ore annunciato un nuovo taglio al personale che porterà al licenziamento di 270 dipendenti. La notizia arriva a pochi mesi di distanza da quanto comunicato nel mese di novembre 2016 quando il gruppo di San Mateo (California) licenziò il 15% della forza lavoro. GoPro è senza dubbio uno dei brand più famosi nel settore delle action camera ma da qualche tempo sta vivendo una forte crisi che ha costretto l'azienda a ridurre i costi operativi.

Nonostante l'ottima qualità dei prodotti offerti, nel 2016 l'azienda ha avuto una serie di problemi: da una parte gli smartphone di nuova generazione che offrono funzionalità di registrazione ed editing sempre più evolute, dall'altra una serie di problemi interni tra cui il richiamo del drone Karma che ha registrato grossi problemi al sistema di alimentazione ed i ritardi nella produzione della nuova Hero 5.

Come riportato in una nota per gli investitori diffusa tramite il sito ufficiale nella giornata di ieri, l'obiettivo di GoPro è quello di riorganizzare l'azienda cercando di ottimizzare i costi. Nei prossimi mesi l'azienda investirà 10 milioni di dollari per sostenere tutte le spese necessarie alla ristrutturazione societaria. L'azienda ha dunque sottolineato che è già al lavoro sullo sviluppo di nuovi hardware e software che saranno annunciati nel corso dell'anno. Tra le novità più attese troviamo senza dubbio la nuova action cam GoPro Hero 6 che con buona probabilità sarà disponibile per l'acquisto nei negozi a fine 2017.