Oggi nasce WiFi.Italia.it, un progetto presentato a Roma e che ha l'obiettivo di consentire agli utenti di navigare liberamente in tutta Italia attraverso una rete di WiFi gratuiti, ma soprattutto accessibili con un singolo account da impostare un'unica volta. Addio, quindi, alle continue registrazioni ogni volta che si entra in un bar o un ristorante nuovo, ognuno dotato del proprio servizio e, di conseguenza, della necessità di registrarsi nuovamente: con Wifi Italia si può accedere velocemente con un tap. Per il momento, però, i punti d'accesso sono ancora pochi.

Promosso dal ministero dello Sviluppo economico (Mise) e dal ministero dei Beni culturali e del Turismo (Mibact), il progetto è accessibile scaricando l'omonima applicazione dagli store digitali di Apple e Android. Una volta fatto sarà sufficiente registrare il proprio account per poi avere la possibilità di accedere a tutti gli hotspot WiFi aderenti al progetto. All'interno dell'applicazione è presente una mappa che indica tutti i punti attualmente sparsi per l'Italia e accessibili con il nuovo sistema.

Qui arriva il primo punto dolente di un progetto dai buoni propositi ma da un lancio minato da una grossa limitazione: la diffusione dei punti d'accesso. Per il momento si parla di grandi accentramenti di WiFi localizzati soprattutto al Nord Italia, dove, per esempio, la città di Milano ha convertito tutti gli accessi liberi già presenti e amministrati dal comune in punti d'accesso aderenti a WiFi Italia. A Roma, invece, sono attualmente disponibili solo 6 WiFi legati al progetto. Per il momento l'Emilia-Romagna è la regione più connessa dal nuovo sistema, mentre il Sud latita ancora quasi completamente. Un peccato visto che il progetto si rivolge tanto ai cittadini quanto ai turisti. "Se non trovi nessuna rete vicino a te, fai sentire la tua voce e invita la tua amministrazione ad entrare a far parte del progetto WiFi.Italia.It" scrive il Mise sul sito del progetto.