Ci sono gli sposi, i testimoni, amici e parenti, il prete e persino i paggetti. Manca "solo" tutto il resto: la chiesa, il ricevimento, il contatto. Insomma, tutti gli elementi che il distanziamento sociale impone alle persone in tutto il mondo. A New York, però, questo non ha fermato i matrimoni, che potranno avvenire anche su Zoom, in videochiamata. Lo ha deciso il governatore dello stato americano Andrew Cuomo, spiegando che le coppie che lo vorranno potranno sposarsi online e ritenere valida l'unione. "Sto approvando un ordine esecutivo che consentirà ai newyorkesi di ottenere una licenza di matrimonio da remoto e consentirà ai preti di svolgere cerimonie in videoconferenza" ha twittato Cuomo.

In seguito all'inizio dell'emergenza sanitaria internazionale e della pandemia, infatti, i matrimoni sono stati annullati nella maggior parte dei paesi del mondo; troppo pericoloso riunire così tante persone nello stesso luogo, avvicinando amici e parenti di tutte le età. Così alcune coppie hanno deciso di non svolgere la cerimonia e di rimandarla a tempi più propizi, mentre altre hanno proseguito con i loro piani organizzando cerimonie online. Alcuni di essi hanno semplicemente ottenuto la licenza prima del lockdown per poi svolgere una cerimonia simbolica, mentre altri dovranno sfruttare questa concessione dello stato per potersi sposare da remoto. A quel punto l'unione sarà valida e regolarmente approvata dalla legge.

La maggior parte degli sposi ha deciso di utilizzare la piattaforma Zoom – principalmente per il grande numero di utenti che possono partecipare a una videochiamata – realizzando altari finti nel salotto di casa o nel giardino, per poi invitare amici e parenti ad assistere in diretta alla cerimonia. C'è persino chi ha trasmesso la giornata in streaming per tutti. Grazie alle nuove regole du Cuomo, però, anche i preti potranno svolgere regolari cerimonie in videoconferenza, consentendogli di collegarsi con gli sposi e svolgere normalmente la celebrazione. "Continuiamo a scherzare sul fatto che, dopo aver speso un sacco di soldi e tempo su un matrimonio tradizionale, questo ci è sembrato speciale tanto quanto un matrimonio normale" ha raccontato una delle coppie sposatesi su Zoom. "Ci ha permesso di concentrarci su quello che importa davvero".