31 Maggio 2016
22:56

Accordo tra UE e colossi tech per contrastare l’odio sul web con un “codice di condotta”

Per la Commissione UE è sempre più necessario che Internet sia un luogo dove la discussione sia sempre democratica e che non contempli toni che riconducano a contenuti che istighino all’odio e al razzismo. È in questo contesto che nasce l’accordo tra UE e i colossi tech, come Google, Facebook, Twitter e Microsoft.
A cura di Francesco Russo

Per la Commissione UE è sempre più necessario che Internet sia un luogo dove la discussione sia sempre democratica e che non contempli toni che riconducano a contenuti che istighino all'odio e al razzismo. E' in questo contesto che nasce l'accordo, annunciato dalla Commissaria Ue per la Giustizia, Vera Jourova, tra UE e i colossi tech, come Google, Facebook, Twitter e Microsoft, che prevede l'adozione di un vero e proprio "codice di condotta" che permette la "rimozione entro 24 ore" dei "messaggi di odio" dal web. Le stesse aziende del settore tech si impegnano ad adottare misure interne e a formare il proprio personale per monitorare le notifiche e rimuovere il contenuto "hate speech", se necessario, e a renderlo comunque non accessibile.

La definizione di contenuti illegali si basa sulla Decisione quadro per combattere il razzismo e la xenofobia che, si legge in un comunicato, "definisce reato il pubblico incitamento alla violenza o all'odio contro persone o gruppi di persone con riferimento a razza, colore, religione, discendenza nazionale o etnica".

"I recenti attacchi terroristici (Parigi e Bruxelles, n.d.r.) – ha detto Jourova – ci hanno ricordato l'urgenza di affrontare i messaggi illegali di odio. I social media purtroppo sono uno degli strumenti che i gruppi terroristici usano per radicalizzare i giovani ed i razzisti sfruttano per diffondere violenza e odio. Questo accordo è un importante passo avanti per garantire che internet resti un luogo di espressione democratica e libera, dove sono rispettati i valori europei".

Nel rispettare il "codice di condotta", le società rafforzeranno le partnership con le organizzazioni della società civile che segnalano i contenuti che incitano alla violenza e all'odio. I responsabili della comunicazione di Twitter, Google (che è a sua volta proprietaria di YouTube), Facebook e Microsoft hanno tutti sottolineato l'impegno a combattere la propaganda terroristica ed i messaggi di odio. "Google ha sempre proibito i messaggi di odio sulle sue piattaforme" – ha evidenziato Lie Junius, responsabile di Google per le relazioni coi governi, ed ha "efficaci sistemi per riesaminare e rimuovere i messaggi in meno di 24 ore". Monika Bickert, responsabile della Global policy per Facebook, ha osservato che "non c'è posto per l'odio" e che il più grande dei social media, con 1,6 miliardi di iscritti, "sollecita la gente ad usare gli strumenti di segnalazione dei contenuti se ritengono che violano i nostri standard". "I nostri team in tutto il mondo lavorano 24 ore su 24 per rivedere le segnalazioni e agire prontamente".

Non sono mancate le critiche a questo accordo. EDRi, European Digital Rights, un gruppo con sede a Bruxelles che si occupa di diritti sul web, ha criticato l'accordo in quanto delegherebbe alle società private quei compiti che invece spetterebbero alle forze dell'ordine. Inoltre, EDRi e Access Now (associazione Usa) hanno annunciato di essere state completamente escluse dalle discussioni affermando di non prendere più parte a tavoli di discussione futuri. Le associazioni denunciamo che questa "subordinazione" alle società private pone gravi rischi per la libertà di espressione.

Come 11 righe di codice hanno messo in difficoltà il web
Come 11 righe di codice hanno messo in difficoltà il web
Commissione UE, ecco i dettagli del nuovo accordo sulla Privacy con gli Usa
Commissione UE, ecco i dettagli del nuovo accordo sulla Privacy con gli Usa
Privacy Shield: approvato l'accordo tra UE e Usa, con qualche dubbio
Privacy Shield: approvato l'accordo tra UE e Usa, con qualche dubbio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni