Si è spento, all'età di 94 anni, George J. Laurer il co-inventore del codice a barre che nel 1973 guidò lo sviluppo della marcatura ormai onnipresente composta da barre nere e un numero di 12 cifre, che ha permesso ai rivenditori e alle aziende di tutto il mondo di identificare oggetti e materiali grazie ad una scansione rapida ed immediata.

La sua carriera

Dipendente di IBM per 36 anni e in pensione dal 1987, l'ingegnere era titolare di 25 brevetti e nel corso della sua carriera è stato riconosciuto e premiato dal colosso statunitense per le sue innovazioni tecniche con diversi titoli commemorativi come il premio "Raleigh, NC Inventor of the Year" nel 1976 e il premio Corporate Technical Achievement di IBM, ottenuto per la sua creazione più rivoluzionaria, l'Universal Product Code.

"I negozi di alimentari negli anni '70 stavano affrontando costi sempre maggiori e i requisiti necessari per riuscire a gestire l'alta intensità della manodopera per applicare i prezzi ai prodotti erano sempre più alti" – spiegava Laurer in un'intervista del 2010 – "Il codice a barre ha diminuito gli errori nei prezzi e ha permesso ai rivenditori di tenere meglio sotto controllo il loro inventario". "Quando guardo i commessi che scansionano i prodotti in cassa non posso che pensare come sia fantastico che la mia invenzione funzioni così bene", ha continuato.

Nato a New York, Laurer ha prestato servizio nell'esercito durante la seconda guerra mondiale e si è laureato presso l'Università del Maryland nel 1951, dopo di che ha lavorato per IBM per oltre tre decenni. Il colosso statunitense lo ha identificato durante la celebrazione del centenario della società del 2011 come un collaboratore di uno dei 100 momenti iconici dell'azienda.

Dal primo codice a barre all'Universal Product Code

Nonostante il primo codice a barre fu brevettato all'inizio degli anni '50, la nascita dell'Universal Product Code (tecnicamente chiamato UPC) fu una vera e propria rivoluzione per il mondo del commercio e, a partire dal 1973, si è sempre più diffuso nei negozi del Nord America, e in alcune zone del mondo come il Regno Unito e l'Europa.

L'UPC è un'immagine composta da 12 cifre numeriche, che vengono assegnate in modo univoco a ciascuna unità commerciale. Assieme al codice a barre EAN, l'Universal Product Code è il codice a barre più utilizzato per la scansione di unità commerciali al punto di vendita ed è tuttora utilizzato in gran parte dei negozi di tutto il mondo,