Covid 19
14 Luglio 2021
10:27

Addio videochiamate di gruppo gratuite e illimitate: su Google Meet torna il limite di un’ora

La piattaforma per le videochiamate era stata resa completamente gratuita in risposta ai lockdown che hanno coinvolto quasi tutto il mondo. Dai prossimi giorni tutti i ritrovi virtuali che coinvolgono più di 2 persone nella versione gratuita di Google Meet verranno interrotti al superamento del sessantesimo minuto di attività.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Chi si è abituato a videochiamare amici e parenti lontani utilizzando la piattaforma per le videochiamate Google Meet si troverà presto di fronte a un bivio: ridurre la durata dei propri ritrovi virtuali a meno di un'ora oppure rivolgersi a un altro servizio. A partire dai prossimi giorni l'app ripristinerà infatti il limite temporale alle chiamate di gruppo che era stato sospeso dopo lo scoppio della pandemia di Covid-19; tutti i ritrovi virtuali che coinvolgono più di 2 persone nella versione gratuita di Google Meet verranno insomma interrotti al superamento del sessantesimo minuto di attività. La mossa era nell'aria: la misura adottata da Google Meet del resto era temporanea e legata a una circostanza particolare, ovvero i lockdown che hanno interessato tutti i Paesi del mondo dopo impegnati nella lotta al coronavirus.

I mesi del lockdown

Fin dall'avvento della pandemia in effetti tutto il mondo — a cominciare dall'Italia — ha scoperto il valore delle videochiamate: popolazioni da decine o centinaia di milioni di persone si sono scoperte chiuse in casa, impossibilitate a frequentare amici, parenti e colleghi e in cerca di un surrogato agli incontri nel mondo reale. In quei mesi piattaforme come Zoom e Jitsi si sono trovate improvvisamente sotto i riflettori semplicemente per essersi trovate al posto giusto nel momento giusto della Storia — ovvero offrendo gratuitamente e semplicemente videochiamate di qualità e cogliendo di sorpresa altri e più blasonati nomi. Per rispondere all'offensiva Facebook ha dovuto ad esempio affrettarsi nel perfezionare e migliorare le videochiamate da WhatsApp e Messenger; Google dal canto suo ha deciso di rendere gratuito e senza limiti di tempo il servizio che già offriva da tempo, ovvero Google Meet.

Un'offerta calcolata

La scelta ha permesso a milioni di persone di rimanere in contatto gratuitamente e semplicemente con videochiamate che potevano durare anche giornate o serate intere, ma non è stata presa senza un calcolo preciso alle spalle: mantenendo Google Meet a pagamento, la casa di Mountain View avrebbe infatti spinto potenziali utenti verso servizi avversari gratuiti. Adesso che i lockdown totali sembrano un ricordo e la febbre da videochiamate si è abbassata, Google ha deciso di reintrodurre il limite temporale alle riunioni di gruppo; la scadenza era stata inizialmente fissata a settembre dell'anno scorso e poi a marzo di quest'anno, ma ormai sembra improrogabile.

Gli account colpiti

La novità riguarda solamente le riunioni organizzate per svago e tra account Google gratuiti, e non coinvolgerà eventualmente riunioni di lavoro né le lezioni a distanza. Per continuare a utilizzare Google Meet come servizio per le videochiamate di gruppo senza che il limite di 60 minuti spezzi le riunioni basta infatti che l'organizzatore sia legato a un account Google Workspace a pagamento.

27552 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni