8 Settembre 2016
21:58

Alibaba, il vino italiano sbarca online anche in Cina per il “nine-nine-wine”

Domani è il giorno del “Tmall 9.9 Global Wine & Spirits Festival” (“nine-nine-wine”), una giornata in cui il vino italiano verrà celebrato anche online con la presenza sul portale tmall.com di proprietà di Alibaba, di 500 etichette italiane.
A cura di Francesco Russo

La Cina ama molte delle cose delle nostre paese. Dalla creatività al design, ma molto apprezzato è anche il nostro vino. E grazie all'iniziativa lanciata da Alibaba Group, il sito di e-commerce di Jack Ma, "Tmall 9.9 Global Wine & Spirits Festival" ("nine-nine-wine") per una giornata, domani 9 settembre 2016, l'Italia verrà celebrata anche online con la presenza sul portale tmall.com di 500 etichette italiane.

Il colosso dell'e-commerce Alibaba, guidato da Jack Ma, forte di una offerta online di oltre 100.000 tipologie di vini e alcolici internazionali, inaugura venerdì 9 settembre, come annunciato anche all'ultimo Vinitaly, una giornata celebrativa della crescente popolarità di vini e alcolici importati tra i consumatori cinesi, in modo particolare tra le giovani generazioni. E proprio dall'annuncio fatto nei mesi scorsi, le cantine italiane presenti su Alibaba sono passate da 2 a 50.

E con 500 etichette l'Italia diventa il secondo paese più presente sul portale con questa iniziativa. Tra le etichette figurano anche Allegrini, Antinori, Bolla, Folonari, Frescobaldi, Mezzacorona, Planeta e Ruffino. Tra gli altri paesi famosi per la produzione di vino anche Francia, Spagna, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda.

"Siamo particolarmente orgogliosi del risultato raggiunto. Solo quattro mesi fa" – spiega Rodrigo Cipriani Foresio, Managing Director di Alibaba Italia e Sud Europa – "due sole cantine italiane avevano lo store sulle nostre piattaforme, oggi si sono aggiunte quelle di Mezzacorona, G.I.V ed Iswa. Numeri che confermano la nostra convinzione di come Alibaba possa fare molto per aiutare il vino italiano a crescere in Cina, aumentando la quota di mercato rispetto all'attuale del 6%, che non rende giustizia a un prodotto di qualità come quello che i nostri produttori sanno selezionare e offrire".

"Tmall 9.9 Global Wines and Spirits Festival" non è solo un evento online: circa 5mila bar a pub parteciperanno offrendo assaggi gratuiti e altri servizi ai consumatori in Cina. Per offrire massima visibilità e opportunità ai brand di entrare in contatto con i consumatori, Tmall ha lanciato una serie di campagne marketing dal 1 settembre, come le aste live per etichette rare e in numero limitato.

L'occasione per il vino italiano si concretizza in una visibilità senza precedenti e una spinta alle esportazioni che nei primi cinque mesi del 2016 sono cresciute del 42%, raggiungendo la quota di un miliardo di euro.

E proprio durante l'ultimo G20 in Cina a Hangzhou, dove ha sede proprio Alibaba, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha incontrato Jack Ma per celebrare il prossimo "nine-nine-wine".

Così Alibaba vuole portare il made in Italy in Cina
Così Alibaba vuole portare il made in Italy in Cina
Ecco come soggiornare nel ritiro benessere della serie Nine Perfect Strangers
Ecco come soggiornare nel ritiro benessere della serie Nine Perfect Strangers
1.669 di CS Design
Cina, il fondatore di Alibaba vuole prevedere i crimini online (come in Minority Report)
Cina, il fondatore di Alibaba vuole prevedere i crimini online (come in Minority Report)
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni