Presto alcuni dei dipendenti Amazon in Italia avranno dei supervisori selezionati direttamente ed esplicitamente nel panorama delle forze armate. Il gruppo sta cercando ex militari o soldati ancora in servizio ma desiderosi di intraprendere una carriera nel settore privato, che avranno il compito di gestire squadre da diverse decine di persone. Lo ha raccontato inizialmente La Repubblica, ma le posizioni lavorative sono ancora aperte e i relativi annunci si possono tutt'ora consultare sia sul social network che direttamente sul sito web dell'azienda.

La ricerca di figure militari per mansioni di supervisione e organizzazione del lavoro non è una novità per Amazon: negli Stati Uniti il gruppo impiega già ex appartenenti alle forze armate e anzi pubblicizza questo fatto con orgoglio – il soprannome di Amazon Warriors con il quale vengono chiamati questi dipendenti del resto è stato coniato dalla stessa azienda. Per Amazon – si legge nell'annuncio pubblicato a inizio febbraio – "le forze armate rappresentano un bacino importante nel quale identificare e far crescere potenziali futuri dirigenti"; e dal momento che la rete logistica del gruppo sta "crescendo in Italia", ha bisogno di "leader forti per sostenere questo tipo di crescita".

Il corpo dell'annuncio pubblicato è in lingua inglese: al suo interno si legge anche che i candidati al posto di lavoro devono essere militari o ex militari e che saranno valutati da esaminatori provenienti dallo stesso contesto. Tra le responsabilità dei futuri dipendenti c'è quella di guidare, motivare e far crescere una squadra da 80-100 dipendenti (fino a 200 nei periodi di carico, come ad esempio le festività natalizie) per il raggiungimento degli obbiettivi di produzione, mentre tra i requisiti ci sono una laurea, eccellente padronanza della lingua italiana, una buona conoscenza della lingua inglese e un'esperienza pregressa al comando di squadre da almeno 45 soldati.