Anche se TikTok sta vivendo un periodo di incertezza negli Stati Uniti, il suo successo a livello globale è stato a dir poco travolgente. Le clip caricate sulla piattaforma vengono viste da centinaia di milioni di persone ogni giorno, tanto che sono ormai diverse le aziende del settore tecnologico che stanno cercando di copiare il formato dei video brevi di TikTok per trasformarlo in una nuova piattaforma online o per potenziare i prodotti già offerti ai loro utenti. Tra queste da oggi c'è anche Snapchat, che poche ore fa ha lanciato Sounds: la possibilità di legare brani musicali a brevi clip video in verticale girate all'interno dell'app.

Se la descrizione in breve di Sounds somiglia alla formula che sta alla base dei TikTok, è perché la novità ricalca esattamente il formato dei video che popolano la piattaforma di condivisione cinese. Sounds on Snapchat permette di scegliere un brano da un vasto catalogo di "artisti emergenti e musicisti affermati", frutto di accordi con le maggiori etichette discografiche e con una selezione di etichette indipendenti. La canzone scelta può essere abbinata a uno Snap sia prima di aver girato il contenuto, sia in fase di post produzione; il risultato si può inviare al destinatario desiderato, che all'interno dello Snap vedrà sia le informazioni sul brano utilizzato, sia un collegamento per ascoltare il pezzo interamente su una piattaforma di streaming a scelta.

Su Sounds manca ancora la possibilità di utilizzare audio registrati autonomamente dagli utenti, ma gli sviluppatori hanno assicurato che si tratta di una caratteristica in arrivo nei prossimi mesi. Piuttosto, la novità per il momento è riservata a una particolare categoria di iscritti, ovvero gli utenti iPhone: per il momento Sounds è in fase di rilascio in tutto il mondo ma solamente sulle versioni per iOS dell'app; non ci sono ancora notizie sul suo arrivo sui telefoni Android.