Avete sostituito la batteria del vostro iPhone con una non originale per risparmiare? Fino ad oggi questa operazione non solamente invalidava la garanzia del telefono, ma bloccava completamente la possibilità di ottenere riparazioni da parte degli Apple Store, che non accettavano dispositivi con batterie di terze parti. Da oggi, invece, l'azienda di Cupertino accetterà anche gli iPhone con batterie non originali nei suoi negozi e nei rivenditori autorizzati. Lo riportano dei documenti interni ottenuti da MacRumors e dalla testata francese iGen.

Fino ad oggi, infatti, ai Genius veniva proibito di accettare in riparazione un dispositivo al quale era stata sostituita la batteria con una non originale, come quelle che spesso vengono installate nei negozi asiatici. Questo significava che la sostituzione della batteria era sì economica, ma anche molto rischiosa in caso di problemi più gravi e che quindi richiedevano l'intervento di un tecnico esperto. Secondo il nuovo documento, invece, i tecnici potranno proseguire con le riparazioni non relative alla batteria – come quelle su microfoni, scheda madre e display – anche se individuano una batteria non originale.

Per quanto riguarda la sostituzione della stessa batteria, i tecnici saranno autorizzati a farlo sostituendola con una batteria originale al tariffario standard. Ma non solo, perché secondo il documento i Genius potranno sostituire l'intero telefono se la rimozione della batteria non originale dovesse risultare difficoltosa, il tutto al costo della semplice sostituzione del singolo elemento. Le batterie sono l'ultimo componente di terze parti accettato da Apple nel suo rigido programma di riparazioni. Nel 2017 aveva iniziato ad accettare iPhone con schermi non originali, ma l'apertura nei confronti della batteria è importante perché arriva in un momento in cui gli utenti si stanno rendendo conto che sostituirla significa ridare linfa vitale al proprio telefono.