142 CONDIVISIONI
3 Aprile 2013
09:27

Apple diminuisce gli ordini. Alla Foxconn i dipendenti tentano il suicidio

Ennesima brutta vicenda alla fabbrica produttrice degli iDevice di Apple. Gli ordini vengono diminuiti da Cupertino e in Foxconn si pensa subito al suicidio.
A cura di Bruno Mucciarelli
142 CONDIVISIONI
foxconn

La salvaguardia dei lavoratori nelle immense fabbriche della Foxconn da sempre hanno riguardato Apple e le associazioni per i diritti umanitari. Aziende come quella cinese permettono a multinazionali, quella di Cupertino in primis, di rendere possibile la commercializzazione dei propri dispositivi ma molto spesso a spese di essere umani, lavoranti in condizioni non proprio agevoli.

Le vicende di lavoratori utilizzati al limite umano, con turni massacranti, con dimore, per quelle poche ore di sonno, mai vere e proprie case e molto spesso anche il sotto pagamento di salari comuni, non può che aver creato negli anni un forte dissenso proprio nei confronti delle aziende, le quali usufruiscono di tutto questo per realizzare i propri prodotti. Proprio da poche ore si viene a scoprire come nella sezione della Foxconn di Shenzhen si sia andati molto vicini all'ennesima tragica vicenda.

Quattro dipendenti della fabbrica cinese nei giorni scorsi hanno tentato il suicidio, fortunatamente per tutti, non andato a buon fine. Il motivo sembra risultare quanto mai comune ai quattro episodi e si riconduce alla riduzione degli ordini giunti alla fabbrica cinese, maggiormente provenienti da Apple, che come sappiamo tiene occupata la maggior parte della catena di produzione con l'assemblaggio dei propri prodotti.

Foxconn_Window

“Quattro suicidi in un solo giorno a causa della riduzione degli ordini.”
Sina Weibo
Le notizie provengono quanto mai confuse, ma sembra certo il fatto che i dirigenti della stessa società di produzione cinese abbiamo indotto alcuni dipendenti ad abbandonare l'azienda, cercando di ridurre i costi, diminuendo chiaramente il numero di dipendenti. Alcune fonti invece parlano di un taglio netto ai salari degli addetti ai lavori e ad un taglio anche a tutte quelle agevolazioni e servizi gratuiti che prima erano permessi facilmente permessi.

Una situazione sempre più difficile da mantenere sia da parte delle autorità locali, sia indirettamente da parte di tutte quelle aziende che utilizzano per la produzione dei propri prodotti le stesse fabbriche cinesi. Apple, ma anche altre, devono cercare di fare molto di più per la tutela di questi lavoratori permettendo sì di mantenere alta la produzione dei prodotti mantenendo però alta anche la qualità di lavoro degli operai.

142 CONDIVISIONI
Apple non è più la prima scelta per i suoi dipendenti
Apple non è più la prima scelta per i suoi dipendenti
Bob Mansfield non fa più parte della dirigenza Apple
Bob Mansfield non fa più parte della dirigenza Apple
Wozniak, il co-fondatore di Apple, elogia Edward Snowden : è un eroe perché ha agito con il cuore
Wozniak, il co-fondatore di Apple, elogia Edward Snowden : è un eroe perché ha agito con il cuore
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni