15 Gennaio 2015
17:12

Apple, Google, Intel e Adobe pagheranno 415 milioni di dollari per gli accordi segreti

Quattro aziende della Silicon Valley – Apple, Google, Intel e Adobe – hanno proposto un accordo per risolvere una class action avviata dai lavoratori delle stesse società. Secondo i dipendenti, le quattro big del settore tecnologico si sarebbero accordate per non “rubarsi” i dipendenti a vicenda, con una sorta di contratto mai reso pubblico perché, di fatto, illegale.
A cura di Marco Paretti

Quattro aziende della Silicon Valley – Apple, Google, Intel e Adobe – hanno proposto un accordo per risolvere una (imbarazzante) class action avviata dai lavoratori delle stesse società. Secondo i dipendenti, le quattro big del settore tecnologico si sarebbero accordate per non "rubarsi" i dipendenti a vicenda, con una sorta di contratto mai reso pubblico perché, di fatto, illegale.
In questo modo molti dipendenti si sono scontrati con l'impossibilità di fare carriera a causa di questa clausola, che impediva di essere assunti dalle altre tre aziende nel caso si lavorasse per una delle quattro incriminate. Nel 2011 i lavoratori hanno dato il via alla class action e lo spettro di un processo potrebbe portare ad un accordo prematuro.

Proprio per evitare un processo pubblico le quattro aziende avrebbero concordato con i dipendenti il pagamento di 415 milioni di dollari, dopo che lo scorso anno un giudice aveva rifiutato l'iniziale proposta di 324,5 milioni di dollari.
Secondo il New York Times i lavoratori avrebbero accettato il nuovo accordo e adesso si attenderebbe solo il via libera di un giudice per chiudere la querelle. La situazione, comunque, resta piuttosto spinosa. Il polverone si è alzato dopo la scoperta di alcune mail scambiate tra Steve Jobs, Eric Schmidt e altri dirigenti nelle quali si faceva riferimento ad un accordo per non rubarsi i dipendenti.

Il giudice Lucy Koh ha ora in mano l'intera vicenda e valuterà il consenso dei lavoratori che, secondo le fonti, arriverà nei prossimi giorni. In seguito, Koh avrà il compito di decidere se accettarlo o rifiutarlo, in quest'ultimo caso restituendo nuovamente la palla alle aziende o avviandosi verso il processo pubblico.
Nel 2014 la stessa Koh aveva rifiutato la proposta di 324,5 milioni di dollari basandosi su una simile causa del 2013 contro Disney e Intuit. Secondo il giudice i lavoratori potevano ottenere di più e, facendo un paragone con la class action precedente, l'accusa avrebbe dovuto chiedere almeno 380 milioni di dollari.

Accordi segreti tra Apple e Google: il giudice conferma la multa di 415 milioni di dollari
Accordi segreti tra Apple e Google: il giudice conferma la multa di 415 milioni di dollari
Google potrebbe perdere miliardi di dollari se Apple cambiasse motore di ricerca
Google potrebbe perdere miliardi di dollari se Apple cambiasse motore di ricerca
Google investirà 300 milioni di dollari nel fotovoltaico
Google investirà 300 milioni di dollari nel fotovoltaico
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni