4 Settembre 2021
09:19

Il sistema di sorveglianza anti-pedofilia su iPhone è rimandato: la spiegazione di Apple

Troppe le critiche sulle nuove funzionalità, accusate di essere vulnerabili ad attacchi e abusi da parte di governi illiberali, e dunque di potersi trasformare inavvertitamente in un sistema di sorveglianza totale con rischi per privacy e libertà individuali. Apple aveva tentato di rassicurare i clienti ma ora si prenderà del tempo per rivedere la sua tecnologia.
A cura di Lorenzo Longhitano

Apple ci ha ripensato: la sua annunciata funzionalità per controllare la presenza di materiale pedopornografico sugli iPhone degli utenti per il momento non vedrà la luce. La decisione è stata comunicata in queste ore ed è una risposta alle critiche ricevute nelle ultime settimane dell'azienda sul fronte della privacy: in molti — dagli sviluppatori esterni ad alcuni dipendenti della stessa azienda — avevano fatto notare come il sistema prestasse inavvertitamente il fianco a potenziali abusi delle libertà individuali, motivo per cui la casa di Cupertino ha deciso di posticipare il lancio a data da destinarsi.

La sorveglianza su iPhone e le critiche a Apple

L'arrivo del sistema di sorveglianza incluso nel sistema operativo iOS 15 era stato anticipato ormai quasi un mese fa. L'idea era quella di utilizzare algoritmi di intelligenza artificiale per confrontare le impronte crittografiche di tutte le foto caricate su iCloud dagli utenti con quelle di una banca dati di materiale pedopornografico noto alle forze dell'ordine; il sistema si annunciava capace di sorvegliare il materiale presente nei telefoni senza "vederne" davvero il contenuto, ma ha da subito sollevato parecchie critiche fuori e dentro l'azienda. Pur nascendo con le migliori intenzioni, il sistema — hanno lamentato i più contrari—non è esente da falsi positivi, e inoltre può essere violato; Apple può inoltre essere costretta da governi illiberali a utilizzare lo stesso principio per effettuare controlli su altre tipologie di materiale.

La risposta dell'azienda

L'azienda ha tentato di rassicurare il mondo esterno sulle sue intenzioni e sulla sicurezza della tecnologia annunciata, ma il fronte degli oppositori in appena un mese si è evidentemente fatto troppo ampio da affrontare senza concessioni. "Sulla base della reazione di clienti, associazioni, ricercatori e altri — ha dichiarato Apple —abbiamo deciso di prenderci dell'altro tempo nel corso dei prossimi mesi, per raccogliere suggerimenti e apportare miglioramenti a queste nuove funzionalità prima del lancio". Il gruppo insomma non sembra voler fare un dietro front completo, ma trovare un modo per salvare il nucleo dell'iniziativa rispondendo alle preoccupazioni che quest'ultima ha sollevato.

Pagamenti a rate usando l'iPhone: sta arrivando Apple Pay Later
Pagamenti a rate usando l'iPhone: sta arrivando Apple Pay Later
L'UE vuole costringere Apple ad aprire gli iPhone ad altri sistemi di pagamento
L'UE vuole costringere Apple ad aprire gli iPhone ad altri sistemi di pagamento
Offerte Apple su eBay: fino a 400€ di sconto su iPhone, iPad e Apple Watch
Offerte Apple su eBay: fino a 400€ di sconto su iPhone, iPad e Apple Watch
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni