In molti ricordano ancora con nostalgia i primi iPod Classic di Apple — con la loro rotella centrale che permetteva di scorrere tra le canzoni e le voci dei menù sui display dei dispositivi. Quei modelli sono usciti di produzione da tempo ma pochi giorni fa ha iniziato a fare furore sull'App Store Rewound, una piccola app di riproduzione musicale che permetteva di simulare sui nuovi iPhone il look e il comportamento di quell'interfaccia così peculiare e creativa. Purtroppo il software non è più disponibile, almeno per il momento: la stessa Apple ha infatti deciso di ritirarlo dall'App Store.

A darne l'annuncio sono stati gli stessi sviluppatori dell'app con un intervento su Medium, dove hanno spiegato le ragioni dietro alla decisione di Apple. A quanto pare la casa di Cupertino avrebbe staccato la spina a Rewound per tre motivi: aver chiesto denaro per l'accesso alla libreria di Apple Music, aver copiato il design dell'iPod, e aver dato a intendere — seppure inavvertitamente — che l'app potesse essere un prodotto ufficiale Apple.

Rewound in realtà è una semplice app per la riproduzione musicale che — come spiegano gli sviluppatori — è basata su un'interfaccia molto spartana proprio per dare modo agli utenti di creare le proprie interfacce grafiche ispirate a vecchi lettori mp3. Le componenti grafiche che la comunità realizza per trasformare Rewound in una simulazione dei vecchi iPod Classic non fanno parte del pacchetto scaricato direttamente dall'App Store insieme a Rewound e vanno ottenute separatamente.

Apple però — forse anche per la questione dell'accesso ad Apple Music, che però in precedenza non aveva destato problemi — sembra non voler sentire ragioni, fatto che ha spinto gli sviluppatori a lavorare su altre due versioni di Rewound: una per gli smartphone Android e una disponibile sul web, attraverso una pagina che gli utenti iPhone potranno visitare senza che la casa di Cupertino possa bloccare l'accesso.