Per chi ricorda la storia della nascita di Facebook, la novità annunciata in queste ore dal colosso dei social network sembrerà un ritorno alle origini: si tratta di Facebook Campus, una nuova sezione del social network che ospiterà esclusivamente studenti universitari, i quali si potranno iscrivere solamente se utilizzano la loro email associata all'istituto di provenienza.

Campus è un esperimento di Facebook che punta a diventare il punto di riferimento digitale per la vita universitaria — che negli Stati Uniti ruota proprio attorno ai campus. Nei fatti si tratta di un social parallelo, o meglio di una serie di social paralleli: gli studenti potranno infatti interagire con i compagni attraverso eventi, gruppi, chat a tema e perfino un feed delle notizie e un elenco degli iscritti, senza però poter mettere il naso negli affari di altre università alle quali non sono iscritti.

Anche i profili che appariranno in Facebook Campus saranno dei doppioni degli originali: in queste versioni speciali, gli utenti potranno indicare qual è il percorso accademico che stanno seguendo, così come curriculum, corsi e attività secondarie. L'idea dietro alla previsione di un profilo separato è semplice: in questo modo gli utenti possono trovare nuovi amici e compagni sulla base degli interessi e delle ambizioni comuni, senza però rivelare troppo di sé ai normali utenti di Facebook che potrebbero essere semplici conoscenti o perfetti sconosciuti.

Questa almeno è l'idea di Facebook, che promettendo un livello di privacy maggiore e una sorta di grado di separazione obbligato rispetto ad adulti e sconosciuti spera di attirare in Campus un numero di utenti in giovane età che da anni stanno abbandonando la piattaforma. I profili di Facebook e di Facebook Campus in ogni caso restano comunque collegati: vien da sé che chi viola le regole del social, ovunque questo avvenga, ne subirà le conseguenze sia su Facebook che in Campus.

Per il momento Facebook Campus è disponibile soltanto per gli studenti di 30 università negli Stati Uniti, ma non è chiaro quando e dove il gruppo abbia intenzione di estendere la compatibilità della nuova sezione.