9 Dicembre 2010
15:34

Attacco hacker ai danni di Visa.com: rappresaglia in nome di Wikileaks

Il collettivo Anonymous attacca il sito internet Visa.com in seguito al boicottaggio che l’istituto finanziario statunitense ha operato ai danni di Wikileaks.
A cura di Anna Coluccino

Lo avevano annunciato e lo hanno fatto. I nemici di Wikileaks sono i nemici del collettivo Anonymous (celebri per le azioni di controinformazione ai danni di Scientology) e dei pirati informatici che si nascondo dietro l'azione di guerriglia informatica che va sotto il nome di Operation Payback, un'operazione nata nel settembre del 2010 per difendere il diritto all'informazione e alla cultura, e per lottare contro il concetto di copyright.

Da qualche giorno, però, l'Operation Payback è stata diretta verso obiettivi strategici ben precisi, ovvero verso tutti coloro che si sono resi colpevoli di censura o di boicottaggio ai danni di Wikileaks.

La prima azienda ad essere stata colpita è stata PayPal, rea d'aver staccato la spina alle donazioni per il sito di Julian Assange; il secondo obiettivo è stato il sito della banca svizzera PostFinance (ancora down) colpevole di aver congelato i conti del portavoce di Wikileaks. Oggi è stata la volta di Visa.com, anch'esso inserita nella lista nera in cui compaiono tutti i privati e le aziende che si stanno adoperando per chiudere la bocca ad Assange e i suoi dossier.

"E questo non è che l'inizio", assicurano i pirati di Operation PayBack, che nella giornata di ieri hanno affossato anche il sito di Mastercard, e subito si sono ricorsi su Twitter i primi commenti, tra i quali selezioniamo quello dell'utente Mhgegi:

"Freedom of expression is priceless. For everything else, there's MasterCard"

ovvero

"La libertà di espressione non ha prezzo. Per tutto il resto c'è MasteCard".

Amazon Web Services: il resoconto annuale tace su Wikileaks
Amazon Web Services: il resoconto annuale tace su Wikileaks
Operation Payback, chiuso account Twitter dei pirati: ecco la cronologia degli attacchi
Operation Payback, chiuso account Twitter dei pirati: ecco la cronologia degli attacchi
PayPal sul palco de LeWeb ’10 per giustificare il boicottaggio di Wikileaks
PayPal sul palco de LeWeb ’10 per giustificare il boicottaggio di Wikileaks
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni