Presto potremo dire addio ai biglietti di carta, alla scomodità di doverseli portare dietro e, potenzialmente, alla paura di perderli. Il futuro dei concerti sembra infatti essere totalmente digitale: al posto di un classico biglietto, per accedere a stadi e forum basterà mostrare il proprio volto, che sarà analizzato da un sistema di riconoscimento facciale il cui arrivo è stato annunciato da Live Nation e la sua Ticketmaster, due tra le realtà più grandi nel campo dell'organizzazione e vendita di biglietti per concerti e grandi eventi internazionali.

Per il momento si tratta di un futuro ipotetico, ma comunque plausibile e supportato dall'investimento che le due realtà hanno fatto in Blink Identity, un'azienda il cui obiettivo è quello di realizzare un sistema in grado di analizzare e identificare in meno di un secondo una persona mentre cammina, anche se non sta guardando direttamente in camera. "Continueremo ad investire in nuove tecnologie per differenziare ulteriormente Ticketmaster dalla concorrenza nel campo dei biglietti" ha spiegato Live Nation in una nota inviata agli investitori.

Il funzionamento sarebbe estremamente semplice: con un sistema del genere basterebbe associare il proprio volto al biglietto digitale ed entrare semplicemente nel luogo del concerto. Un futuro che, se da un lato può sembrare molto più comodo, dall'altro implica il fatto che tutti i luoghi in cui si svolgono questi eventi dovranno equipaggiarsi con strumenti adatti all'analisi degli spettatori. Inoltre Ticketmaster dovrebbe realizzare un database composto da tutti i volti dei suoi clienti, elemento che in molti non approverebbero. Soprattutto visto il sentimento generale nei confronti di una realtà che spesso cerca nuovi modi per aumentare le tariffe dei biglietti. Per il momento, però, il nuovo sistema è solo in fase di studio: di certo la volontà di studiare un approccio simile c'è, ma la sua attuazione è ancora lontana.