Nell'ormai confusionario mondo delle criptovalute si sono generati diversi schieramenti che, a favore o a sfavore del trend, continuano a darsi battaglia su una delle tematiche più calde degli ultimi anni. Tra i più critici delle monete virtuali guidate dai Bitcoin c'è anche Bill Gates, storico fondatore di Microsoft che recentemente ha spiegato come la diffusione di questa nuova valuta abbia "causato la morte di persone in maniera diretta". Lo ha specificato durante un Ask Me Anything tenuto su Reddit, dove gli utenti gli hanno chiesto un commento proprio sulle criptovalute.

"Attualmente le monete virtuali vengono utilizzate per comprare fentanyl e altre droghe, quindi questa tecnologia ha causato la morte di alcune persone in maniera piuttosto diretta" ha scritto durante l'AMA su Reddit. "A differenza dei contanti, anch'essi scarsamente tracciabili, le criptovalute possono essere utilizzate da remoto, elemento che rimuove le possibilità di controllo". Secondo Gates anche la parte di investimento è negativa: "Credo che l'ondata di speculazione attorno alle ICO – Initial Coin Offering – e le criptovalute sia super rischiosa".

Gates si è però dimostrato positivo sulla direzione che la tecnologia in generale sta prendendo, negando che l'avanzata dei processi automatizzati possa avere conseguenze negative sull'economia. "L'automazione ha guidato la produttività fin dalla rivoluzione industriale" ha spiegato Gates. "Con i software questo approccio continuerà ad accelerare, quindi dobbiamo pensare a come educare le persone per i nuovi lavori che emergeranno". Tra gli altri critici dei Bitcoin si trova anche Steve Wozniak, cofondatore di Apple recentemente finito al centro di una truffa: "Qualcuno ha acquistato Bitcoin da me attraverso una carta di credito, per poi cancellare la transazione. Era una carta rubata, quindi non è stato possibile riottenere i soldi".