12 Luglio 2011
10:26

BISMark, progetto italo-americano che misura la banda larga

Il progetto, unico partecipante italo-europeo al concorso indetto dalla FCC negli USA, di costruzione di un sistema di monitoraggio della connettività di rete è basato sugli standard globali della Open Internet: un web aperto e libero per promuovere la migliore innovazione e la creazione di lavoro.
A cura di Vito Lopriore

Il progetto BISMark è stato creato dal gruppo di ricerca del prof. Antonio Pescapè, membro del gruppo di ricerca COMICS, del Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell'Università di Napoli Federico II, in collaborazione con il gruppo del prof. Nick Feamster del Georgia Tech di Atlanta (USA). Il progetto è una piattaforma open-based per misurare le perfomance degli Internet Service provider, cioè i gestori delle connessioni di rete che permettono agli utenti privati, aziende e istituzioni pubbliche di connettersi alla rete. BISMark può essere usato come un vero e proprio Internet service BenchMark per misurare le prestazioni dei provider, visualizzare e monitorare i modelli di traffico degli utenti anche tra i dispositivi all’interno della rete domestica e gestire i software di utilizzo.

Si conosce l’importanza di Internet nel mondo moderno e quanto la banda larga sia centrale nel processo di crescita sociale ed economica legato alla rete. La Commissione europea ha avviato programmi per ridurre il digital divide nei paesi membri e il ministro italiano dello Sviluppo Economico Paolo Romani ha avviato un tavolo di trattative con Telecom e gli operatori alternativi per la costruzione delle infrastrutture per la banda ultra-larga in Italia, tra molte difficoltà. L’analisi della diffusione e della qualità dell’infrastruttura a banda larga (fissa e mobile) diventa un aspetto fondamentale per analizzare la situazione e pianificare gli interventi futuri rispetto a tanti fattori: collocazione geografica, domanda, tecnologia di accesso, tipo di contratto, device utilizzati etc.

I progetti di ricerca e dello studio per l’analisi delle connettività di rete, oltre a BISMark, che opera sui router, comprendono anche HobbIT che valuta e misura la qualità della connessione direttamente sui dispositivi dei singoli utenti (PC, Smartphone, tablet etc.). Il progetto BISMark partecipa come unico italiano ed europeo al concorso lanciato dalla Federal Communications Commission (FCC)  degli USA sulla Open Internet.

BISMark è finanziato anche da Google e si ha tempo per votare fino al 15 Luglio: per vedere il filmato, leggere informazioni sul progetto e votarlo basta cliccare sul link seguentehttp://projectbismark.net/.

Il ministro Romani punta sulla banda ultra-larga in Italia
Il ministro Romani punta sulla banda ultra-larga in Italia
Google premia BISMark, progetto italiano: per "la neutralità della rete"
Google premia BISMark, progetto italiano: per "la neutralità della rete"
La scarsa diffusione della banda larga in Europa rallenta la crescita
La scarsa diffusione della banda larga in Europa rallenta la crescita
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni