9 Agosto 2013
16:57

BlackBerry valuta l’uscita dalla borsa per tornare in mani private

Secondo alcune indiscrezione l’amministratore Thorsten Heins e il consiglio di amministrazione dell’azienda canadese starebbero riflettendo sull’eventualità di un delisting.
A cura di Matteo Acitelli

Le troppe pressioni da parte degli investitori starebbero portando gli amministratori di BlackBerry a valutare l'abbandono della borsa.

Secondo Reuters, l'AD Thorsten Heins e il consiglio della società stanno prendendo in considerazione questa opzione ma niente è stato ancora deciso.

Sulla scia di Dell, che con ben 24,4 miliardi di dollari il fondatore Michael Dell e la Silver Lake hanno fatto uscire dalla borsa, ora anche Blackberry sembra vicina all'idea. Il motivo che spingerebbe la società a valutare l'uscita da Wall Street è lo stesso che convinse Dell: troppe pressioni dagli investitori e l'obbligo di pubblicare trimestralmente i conti non consentono di risolvere con calma i problemi finanziari.

Come sottolinea Reuters, il valore azionario della società è già sceso di oltre il 19% quest'anno, e ora l'azienda ha una capitalizzazione di soli 4,8 miliardi di dollari, rispetto agli 84 miliardi di dollari del 2008. Ciò implica che, nell'eventualità dell'abbandono della borsa, trovare i finanziatori non sarebbe affatto semplice, considerato che ci sono perdite importanti a bilancio.

L'inversione di rotta per BlackBerry sembrava dover partire grazie alla nuova linea di smartphone BlackBerry 10 ma stando ai dati di uno studio statistico condotto da IDC, per ora i risultati non sono incoraggianti.

La chat di gruppo di BlackBerry Messenger
La chat di gruppo di BlackBerry Messenger
Nuovo BlackBerry Z30
Nuovo BlackBerry Z30
Intel valuta l' acquisizione di AMD
Intel valuta l' acquisizione di AMD
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni